ULTIME NOTIZIE SU NAPOLI

Ancelotti vola a Londra: pronta una nuova avventura

ancelotti londra

Carlo Ancelotti vola a Londra, lo fa per incontrare i dirigenti di Arsenal ed Everton e quindi ricominciare una nuova avventura all’estero.

Dopo l’esonero al Napoli il tecnico azzurro ha voglia ancora di allenare. Così Ancelotti sta sondando il mercato londinese attraverso un viaggio nella capitale inglese che ha appena eletto Boris Johnson, ufficializzando di fatto la Brexit.

Futuro Ancelotti

Ancelotti vola a londra per incontrare prima di dirigenti dell’Everton e poi quelli dell’Arsenal. Secondo quanto riferisce il The Sun l’ex tecnico del Napoli incontrerà il proprietario Farhad Moshiri ed il presidente Bill Kenwright. I toffees sono molto interessati ad Ancelotti e vorrebbero soffiarlo ai gunners che da poco hanno cambiato la guida tecnica affidandosi ad interim a Fredrik Ljungberg. La dirigenza dell’Everton ad offrire una panchina ad Ancelotti entro lunedì, spiazzando praticamente tutti. Ancelotti a Londra è una buona notizia anche per le casse della SSC Napoli. Il tecnico esonerato è ancora legato contrattualmente al Napoli, per accettare un’altra panchina dovrà liberarsi del vecchio rapporto di lavoro e solo dopo sarà libero di firmare per un altra squadra di un’altra Federazione. Dunque la soluzione londinese potrebbe favorire economicamente anche Aurelio De Laurentiis che avrebbe voluto le dimissioni dell’allenatore ma che alla fine è stato costretto ad esonerarlo, forse anche perché sapeva che entro breve avrebbe trovato una nuova sistemazione. I rumors, infatti, parlano di un patron che pur stimando professionalmente e umanamente Ancelotti, aveva già idea di cambiare la guida tecnica. Lo stesso Ancelotti aveva saputo delle telefonate con Gattuso, Allegri e Spalletti e quindi ha anche avuto modo e tempo per guardarsi intorno, senza perdere la concentrazione sul Napoli. Lo dimostra il fatto che gli azzurri sono comunque riusciti a qualificarsi agli ottavi di Champions League, in un momento di incertezza totale. Il traguardo è fondamentale per gli azzurri che ora con Gattuso vogliono lanciare la scalata al quarto posto.

Archivi