ULTIME NOTIZIE SU NAPOLI

De Nicola: “Vorrei tornare al Napoli. Vi svelo il segreto della squadra azzurra”

De Nicola: "Napoli mi manca. Voglio chiarire una cosa sullo staff sanitario"

Il dottor Alfonso De Nicola, ex responsabile staff medico della SSCN e consigliere Lamica, è intervenuto ai microfoni di Radio Marte. 

Il gol magnifico gol di Lorenzo Insigne ha fatto riaccendere i riflettori sul capitano del Napoli, che ha subito spesso troppe critiche, un tema affrontato anche da Alfonso De Nicola: “Si dice che nessuno è profeta in patria e credo che questo valga anche per lui, anche se lui è ben voluto da tantissima gente e lui stesso vuole bene a Napoli, alla Regione e a tutto il meridione. Credo che lui dia sempre il massimo di quello che può dare, lo conosco e lo apprezzo. Ci dicevamo che l’unico suo linguaggio era quello sul campo. Lui non si risparmia, questa è una delle sue doti maggiori. Lui ce la fa più di altri, il suo impegno è sempre massimale nella vita e negli allenamenti, si dedica solamente a questo lavoro. Gli voglio bene perché ha sempre dato tanto e i ragazzi che danno tutto non puoi non apprezzarli“.

Altro tema di estrema attualità è quello legato a Josè Callejon, giocatore con la valigia pronta anche se De Laurentiis gli ha fatto una proposta di rinnovo: “Molto difficile lavorare e sapere di lavorare con un futuro molto incerto. In 15 anni che ho lavorato con il Napoli i miei contratti sono spesso stati annuali, anche per scelta mia. E’ difficile – dice De Nicola – lavorare non sapendo quello che ti aspetta. Callejon non starà in mezzo a una strada, lui una squadra la troverà, parliamoci chiaro. È un giocatore importante, che ha fatto tantissimo. Credo che la forza del Napoli siano proprio lui e Insigne. Quella è stata una grande intuizione degli allenatori precedenti come Benitez e Sarri. Ricordo quando ero al Napoli che dicevo a Insigne che la sua dote principale è quella della corsa. Lui tornava, quando faceva dei recuperi erano importantissimi. La squadra avversaria sarebbe potuta andare in gol e invece lui recuperava, perché era sempre lucido. Al di là di tutto, lui si allena seriamente. Anche nella riabilitazione dopo l’infortunio al ginocchio è stato eccezionale, recuperò presto perché lo voleva lui“.

Secondo De Nicola in questo momento si ha la sensazione che “la condizione dei giocatori stia migliorando, anche se si gioca tre volte a settimana“. Poi un accenno al futuro ed una speranza: “Noia a stare lontano dai campi di calcio? Purtroppo non c’è nessuno che vuole che io ci sia, al di là di qualche invito a vedere la partita. Ma che me ne faccio? Mi piacerebbe essere coinvolto come lo ero prima, tutta la settimana, e non è sicuramente una questione economica. A me piace molto lavorare e questo è il mio lavoro, preparazione e prevenzione degli infortuni. Questo è ciò che so fare e mi piacerebbe tornare a farlo. Io sinceramente spero che la chiamata arrivi proprio dal Napoli. Vorrei ritornare, Napoli per noi campani non è un punto di partenza ma un punto d’arrivo“.

Archivi