napolipiu.com
Calcio Napoli e cultura Napoletana: Ecco il sito che parla la tua lingua

Agente Hysaj: rinnovo in bilico cessione possibile, le ultime

Agente Hysaj: rinnovo in bilico cessione possibile, il manager:“E’ il top in Europa, non la quarta scelta, Ancelotti….”

Agente Hysaj: rinnovo in bilico cessione possibile. Il manager di Hysaj è intervenuto ai microfoni di Radio Marte sulla situazione del proprio assistitito. In particolale, ritiene che l’albanese non si una scelta secondaria all’interno della rosa azzurra. Dunque si teme una possibile cessione nel mese odierno.

La situazione Hyasaj

Ai microfoni di Radio Marte il manager Mario Giuffredi, ha rilasciato alcune dichiarazioni di Si gonfia la rete, in onda sulle frequenze di Radio Marte. Il Procuratore ha dichiarato : “E’ diventato la quarta scelta? In estate poteva andare al Chelsea con Maurizio Sarri, ma Carlo Ancelotti ha detto apertamente di stimarlo e puntare tanto su di lui. Nell’ultimo periodo, i fatti hanno però dimostrato che ha giocato una sola gara su quattro. Insomma, i fatti dicono che per Ancelotti, evidentemente, non è così importante, non lo reputa più un titolare. Contro l’Inter, avete visto, il mister ha schierato José Callejon da terzino, in altri casi ha fatto giocare Nikola Maksimovic o Kevin Malcuit. Se è così, se c’è da togliere il disturbo, allora toglieremo il disturbo. Hysaj non merita nessun trattamento sbagliato da parte di nessuno, visto quanto dimostrato fino ad oggi”.

Tra Rinnovo e Cessione

Giuffredi ha aggiunto: “Se l’allenatore è rimasto deluso, lo dica subito, sarebbe la cosa più corretta. Se per il tecnico si tratta di un declassamento e non di una fase transitoria, mi aspetto che il mister stesso dica chiaramente che Hysaj è una quarta scelta. E’ corretto dirci la situazione reale: siano chiari e si risolve il problema. La clausola da 50 milioni è un ostacolo? Bisogna trovare una soluzione e risolvere i problemi. Se Hysaj è la quarta scelta, diventa un problema per il Napoli e per noi: e i problemi vanno risolti. Negli ultimi tre anni è stato il terzino migliore d’Europa, adesso non è diventato improvvisamente un giocatore di basso livello o non in grado di fare il proprio lavoro. L’allenatore deve essere chiaro, sennò si crea un danno alla società e al calciatore: così diventa un problema grosso. Se non è visto bene, ma solo come alternativa, chiederemo la cessione a gennaio. Un giocatore come lui non fa l’alternativa di nessuno”.

 

 

CONSIGLIATI PER TE