Rassegna Stampa

ZILIANI: Juve allo sfascio anche Paratici vuole se ne vuole andare

Juve allo sfascio. Baruffe a Cardiff, discussioni sui premi e la spada di Damocle dell’affaire Agnelli. Anche Paratici se ne vuole andare. 

di PAOLO ZILIANI il Fatto Quatidiano.

TORINO-Il fatto quotidiano rivela alcuni particolari, liti, sulla notte di Cardif che stanno portando alla rottura del giocatto Juve.

ZILIANI: Juve allo sfascio

Tutti si chiedono: cosa succede alla Juventus? Forse l’idea di riconfermare a tambur battente Allegri subito dopo l’inglorioso tracollo di Cardiff, a ingaggio raddoppiato (Max arriverà a guadagnare, fra tre anni, 7 milioni netti), invece che compattare lo spogliatoio ha avuto l’effetto dello sfollagente.

Dani Alves, che di grandi club e di palcoscenici internazionali se ne intende, è stato il primo a fare le valigie, non dopo aver criticato le atmosfere cupe dello spogliatoio juventino e aver consigliato a Dybala di andare a fare il salto di qualità in un vero top club.

 Baruffe a Cardiff

Alex Sandro, la vera rivelazione della stagione, non vede l’ora di andare al Chelsea a guadagnare il doppio; figuriamoci Bonucci, che dopo essersi sentito dire “Stai zitto testa di cazzo”da Allegri in Juventus-Palermo, al fischio finale l’aveva inseguito negli spogliatoi dando vita ad uno scontro dai toni a dir poco accesi.

Tre giorni dopo, la Juve lo aveva escluso dalla partita col Porto e l’aveva messo alla gogna in mondovisione facendogli seguire il match su uno sgabello a due passi da Marotta e Nedved.

Juve allo sfascio anche Paratici vuole se ne vuole andare

Discussioni sui premi

L’intervallo di Cardiff è stato poi la goccia che ha fatto traboccare il vaso: con Bonucci che chiede ad Allegri di mettere Cuadrado e togliere Barzagli  che si risente: si sfiora lo scontro.

Senza dimenticare la trattativa per il premio-vittoria in Champions, come sempre sfumata, che era stata dura e aveva visto Bonucci come il più battagliero dei giocatori, cosa non gradita alla società.

Paratici vuole se ne vuole andare

La verità è che 40 giorni dopo Cardiff la Juve sembra allo sfascio.

Persino Paratici, l’apprezzatissimo uomo-mercato braccio destro di Marotta, se ne vuole andare.

Affaire Agnelli

La spada di Damocle dell’affaire Agnelli: fra due mesi (il 15 settembre) ci sarà la quasi scontata squalifica di Andrea Agnelli per aver aperto stadio e biglietteria alla Ndrangheta.

Anche un solo giorno di squalifica obbligherà Agnelli alla decadenza. Alla Juve si è spenta la luce.

Back to top button

Benvenuto su napolipiu.com

Consenti gli annunci sul nostro sito Sembra che tu stia utilizzando un blocco degli annunci. Ci basiamo sulla pubblicità per finanziare il nostro sito.