Video. Turisti giapponesi puliscono Napoli. I commenti dei napoletani

Video. Turisti giapponesi puliscono Napoli. I commenti dei napoletani

Turisti giapponesi puliscono Napoli. Un gruppo di nipponici ripuliscono piazza San Domenico Maggiore dopo averla visitata, suscitando i commenti dei napoletani.

Se chiedete ai giapponesi qual è la loro idea di Napoli, associano la città alla famosa pizza, che fa venire l’acquolina a tutti, come anche il cibo; il fatto che Napoli sia una città portuale e che si trovi sul mare la rendono una città meravigliosa, che presenta panorami indimenticabili da posti come Mergellina o come Castel Sant’Elmo. E non dimentichiamo le isole che si trovano nel golfo, tra cui la più famosa è Capri. Anche il calcio fa la sua parte: tra tutti i giocatori del Napoli, quello conosciuto di più è sicuramente Diego Armando Maradona.

Turisti giapponesi puliscono Napoli

Il musicista Alan Wurzburger ha pubblicato su Facebbok un video nel quale un gruppo di turisti giapponesi puliscono Napoli. E’ avvenuto nei giorni scorsi a piazza San Domenico Maggiore, nel cuore del centro storico, un nutrito gruppo di visitatori nipponici, ha pensato bene di ripulire la storica piazza sotto gli occhi dei napoletani. Da qualche anno la città di Napoli è diventata meta preferita dei turisti del sol levante.

[better-ads type=”banner” banner=”81550″ campaign=”none” count=”2″ columns=”1″ orderby=”rand” order=”ASC” align=”center” show-caption=”1″][/better-ads]

I commenti dei napoletani

La scena ha scatenato i commenti dei napoletani scatenando un dibattito sui social pro e contro il gesto ma non sono mancate le critiche all’amministrazione comunale e all’educazione del popolo napoletano. Ecco alcuni commenti che si possono leggere sul web:

“Ciànn mìs a figùr é mmerd”.

“Grande esempio di civiltà che che svergogna i napoletani”.

“Arrivano sempre da fuori a ricordarci che siamo una città bella, la città più bella della galassia”.

Altre storie
arek_milik_napoli
VIDEO – 1mln di followers per Milik, festeggia con ‘Così parò Bellavista’