Varie-Calcio

SENTITE Spalletti: “Mirabelli? Sembra il prete di Frittole quando parla a Troisi”.

Spalletti: “Mirabelli? Sembra il prete di Frittole quando parla a Troisi”. L’allenatore dell’Inter risponde al dirigente del Milan.

MILANO- Derby infuocato alla vigilia, l’allenatore dell’Inter Luciano Spalletti risponde al dirigente del Milan citando una famosissima scena di NON CI RESTA CHE PIANGERE, con Massimo Troisi e Roberto Benigni.

Prete: Ricordati che devi morire!

Mario: Come?

Prete: Ricordati… che devi morire!

Mario: Va bene…

Prete: Ricordati che devi morire!

Mario: Sì, sì… no… mo’ me lo segno…

Spalletti: “Mirabelli? Sembra il prete di Frittole

Sono d’accordo con molte cose che dice Montella – afferma Spalletti- perché lo conosco molto bene e siamo amici, oltre a colleghi. Siamo stati a cena insieme, ma siamo stati anche avversari. E’ un tecnico capace e una persona intelligente. La classifica attuale non credo che sia corretta, ma non se la prendano con noi perché hanno fatto tutto da soli. Le parole di Mirabelli? Se ha detto così, sembra il prete di Frittole che dice a Troisi: “Ricordati che devi morire” puntando il dito al cielo. Cosa rispondo? “Ora me lo segno”.

 

Chi è favorito nel derby?

“A me negli scorsi mesi era sembrato che tutti dessero il Milan come favorito. Noi non siamo alla ricerca della partita della svolta, ma vogliamo dare continuità al nostro lavoro, vincere partite importanti come questa per aspirare alle posizioni che vogliamo. Ognuno poi si crea la “locandina” che vuole: noi vogliamo vincere ogni partita ed entrare sempre in campo con le facce di quelli che vogliono vincere”- conclude Spalletti.


Hai trovato interessante l’articolo? Condividilo sui social

Testa le tue abilità e commenta sulla  nostra pagina Facebook

Sei pronto per seguirci su Twitter?

LEGGI ORA TUTTO SUL NAPOLI

COMINCIA SUBITO A CONOSCERE LA STORIA DI NAPOLI

Back to top button

Benvenuto su napolipiu.com

Consenti gli annunci sul nostro sito Sembra che tu stia utilizzando un blocco degli annunci. Ci basiamo sulla pubblicità per finanziare il nostro sito.