ULTIME NOTIZIE SULL'EMERGENZA CORONAVIRUS

Sconcerti: ” La dittatura della Juve ha impoverito la Serie A”. Sul Napoli…

Sconcerti contro Di Marzio: "non potete paragonare il Napoli alla Juve"

Sconcerti: ” La dittatura della Juve ha impoverito la Serie A. Sul Napoli: “Non ci pensa più, non ci crede più. Non ha individualità straordinarie”.

[better-ads type=”banner” banner=”108237″ campaign=”none” count=”2″ columns=”1″ orderby=”rand” order=”ASC” align=”center” show-caption=”1″][/better-ads]

Mario Sconcerti , nella sua rubrica sul sito Calciomercato.com, ha riferito circa la situazione della Serie A. La Juventus ha messo in bacheca l’ottavo scudetto consecutivo e pensa al futuro, ma le altre? La crisi del Napoli bastonato in Europa e incerto in campionato, il Milan che non decolla, l’Inter che si inceppa negli spareggi. Vanno tutte a rilento verso la Champions. Con una sola eccezione: la fantastica Atalanta di Gasperini.

Sul Napoli

Mario Sconcerti, giornalista del Corriere Della Sera, ha rilasciato alcune dichiarazioni ai microfoni di Calciomercato.com. In particolare si è parlato del Napoli e del divario tra la Juventus e le altre pretendenti allo Scudetto. Cosa sta succedendo al Napoli? “Intanto l’Atalanta è una squadra che come gioco è la migliore in Italia, non è una sorpresa se ha vinto al San Paolo. È un Ajax appena appena più lento. Tu vedi la stessa precisione di passaggi, la stessa idea di ritmo. Cosa è successo al Napoli? Non ci pensa più, non ci crede più. Non ha individualità straordinarie che possano andare oltre le motivazioni. Ma qui va fatto un discorso più ampio”.

La Serie A

Sconcerti vede uno scenario desolante per la Serie A: “Guarda, io credo questo: la Juventus deve pretendere che le avversarie si rafforzino, perché altrimenti si impoverisce non solo il campionato, ma anche la Juventus stessa” Prova a spiegarlo. “Oggi non c’è nessuna squadra fuori dalla Juve che gioca per vincere il campionato. Il traguardo è andare in Champions. E questo inevitabilmente abbassa tutti i parametri. Se tu giochi da inseguitrice che non deve raggiungere la Juventus fai un mercato più morbido, ti alleni e corri in modo più blando. Sono otto anni che in Italia non c’è una squadra che ha l’obbligo di vincere. Pensa all’Inter: Spalletti che arriva terzo figura che ha fatto un grande campionato anche”.

La Juve ha reso tutti più mediocri

Sconcerti parla di Napoli e Juventus: “Scudetto? La Juventus deve pretendere che le avversarie si rafforzino, perché altrimenti si impoverisce non solo il campionato, ma anche la Juventus stessa. Otto anni di dittatura della Juventus ci hanno impoveriti tutti. Ci siamo rassegnati tutti ad una superiorità che è netta. Superiorità di organizzazione, tecnica e di soldi. La Juventus ha demotivato tutti gli avversari. Poi la Juve a sua volta si è impoverita. La Juventus deve pretendere che le avversarie si rafforzino, perché altrimenti si impoverisce non solo il campionato, ma anche la Juventus stessa”.

Il Campionato che verrà

Che succederà il prossimo anno? La distanza si ridurrà? “Io credo che la distanza tra la Juventus e le altre non si ridurrà. Non ci sono giocatori adatti a chiudere questo tipo di distanza. Il Milan e l’Inter i soldi li hanno, ma non ci sono giocatori”. Un esempio. “La Roma gioca con Cristante e Nzonzi in mezzo al campo. Dopo una partita vinta, tu pensi: è un buon centrocampo. Ed è vero. Poi però devi ammettere che loro sono due ottimi giocatori che anche gli altri hanno. L’Inter non è una squadra da scudetto, non lo è mai stata. E se riparte così non lo sarà nemmeno l’anno prossimo. Quando dico che mancano i giocatori penso a questo: è un giro di mercato che non alza il livello delle inseguitrici della Juventus”.

 

Quarto posto Champions

Napoli 67, Inter 61. Sei punti di differenza a cinque giornate dalla fine: “Parliamo di squadre imperfette, credo che i sei punti del Napoli siano una garanzia sufficiente”. Sul favorito per il quarto posto per la Champions Sconcerti ha dichiarato: “Spero che l’Atalanta arrivi quarta: perché la Champions sarebbe un premio alla società e all’idea di calcio che mette in gioco”.

 

[better-ads type=”banner” banner=”81550″ campaign=”none” count=”2″ columns=”1″ orderby=”rand” order=”ASC” align=”center” show-caption=”1″][/better-ads]

 

 

 

Archivi