Calcio NapoliTutto Napoli

Insigne – Napoli: La panchina che vale un addio. Raiola al lavoro

Insigne – Napoli: La panchina che vale un addio. Raiola al lavoro: non ci sono vere offerte, troppo alta la cifra chiesta da ADL.

[better-ads type=”banner” banner=”108237″ campaign=”none” count=”2″ columns=”1″ orderby=”rand” order=”ASC” align=”center” show-caption=”1″][/better-ads]

Insigne – Napoli: E’ addio? Lorenzo vuol lasciare Napoli ma non ci sono vere offerte: troppo alta la cifra chiesta da De Laurentiis ma Raiola è già al lavoro.

Panchina-verità

Sembrava una delle più belle partite del Napoli e, invece, l’Atalanta l’ha mortificato gli azzurri al San Paolo. Ieri a Fuorigrotta poco popolo e niente Insigne. Vedere il capitano in panchina è stato un evento mediatico e ideologico. Niente di più che un’occasione per registrare gli spiriti, per fare a meno di Lorenzo che non è più tra gli uomini di Ancelotti.

L’addio possibile

L’amore è intatto ma il rapporto è logoro. Capita di volersi bene, di continuare a volersene, ma di non trovare più la chiave per un dialogo. E allora, meglio separarsi senza scontri. Insigne e il Napoli sono di fronte a questo bivio: dirsi addio senza alzare i toni oppure rimanere. Certamente un accordo si troverà, una linea comune da seguire: lo vogliono tutti i protagonisti in campo, il giocatore, il presidente e l’agente e forse anche i tifosi. Ad Ancelotti e suo figlio il cuore napoletano, di Frattamaggiore, non è mai piaciuto, soprattutto quando si è accorto che non ubbidiva ai suoi suggerimenti, giammai ordini, bensì, bonari richiami a non innamorarsi troppo del pallone, di quelle giocate di fino che ormai non vanno più dentro e interdicono anche gli spunti dei compagni. Ancelotti è il frutto del collettivismo emiliano, Insigne il solista di un sogno napoletano esaurito da quando Sarri è andato ad annoiarsi a Londra.

Il ruolo di Raiola

Lorenzo sente arrivato il momento di andarsene, di cambiare aria e di provare a vincere qualcosa altrove e De Laurentiis, che a Insigne è legato sino al 2022 con in contratto da 4,6 mln a stagione, spera di poter rimpinguare le casse del club con una cessione milionaria. E così Raiola, che dovrebbe presto arrivare in città, sta lavorando per mediare tra le opposte esigenze. Sta lavorando insomma per convincere l’uno e l’altro ad abbassare le rispettive richieste per trovare così reciproca soddisfazione. Al momento mancano infatti reali offerte capaci di accontentare entrambi, perché nessuno club è intenzionato ad avvicinarsi agli 80/100 milioni voluti da AdL. Nè all’estero (l’Atletico Madrid non si è più mosso in direzione Insigne), né Italia, dove solo il Milan avrebbe fatto un pensierino per Insigne. Ma non a certe cifre. Ecco, dunque, l’importanza del lavoro di Raiola: perché separarsi, a volte, è più facile a dirsi che a farsi.

Ipotesi PSG

Napoli c’est fini. Arrivederci a Parì. Da quando Lorenzo ha scelto Raiola è cambiato, da giocatore e da uomo, e il nuovo manager gli ha suggerito sicurezze nuove promettendogli un posto al Psg, con Marco Verratti. A Parigi i due giocatori potranno ricostruire la coppia del Delfino pescarese, per completarsi insieme come voleva Zeman e come suggeriva Guardiola.

 

 

Back to top button

Benvenuto su napolipiu.com

Consenti gli annunci sul nostro sito Sembra che tu stia utilizzando un blocco degli annunci. Ci basiamo sulla pubblicità per finanziare il nostro sito.