La fabbrica bianconera del falso. Napoli, il giorno del giudizio

La Juve e la fabbrica del "falso", l'ultima è clamorosa. Sarri, c'è posta per te e per il Napoli. I bianconeri fanno pretattica da mocciosi.

La Juve e la fabbrica del “falso”, l’ultima è clamorosa. Sarri, c’è posta per te e per il Napoli. I bianconeri fanno pretattica da mocciosi.

Di: Francesco Bocchetti

La Juve e la fabbrica del “falso”

Falsi infortuni, false liti nello spogliatoio, provocazioni inutili e altre offensive. Altro che pretattica, questa e’ gente poco sana di mente che segue questo mantra antisportivo del “Vincere ad ogni costo“. I bianconeri fanno pretattica da mocciosi.

l’ultima è clamorosa

Questo teatrino montato da Vinovo con dichiarazioni dei tesserati, dei suoi giornali ufficiali e non, della sua tv tematica, capitanata da gente che Calciopoli sia un complotto (si, e che magari che la Terra sia piatta) è squallido, meschino, e che sa’ di paura.

Il nostro momento storico

Associo spesso la Juve al Real Madrid, perché sono due club molto simili, che usano il loro potere per vincere in qualsiasi modo, leciti e non, forse più illeciti che non. E proprio per questa somiglianza, che questa settimana di passione mi ricorda quella del Clasico del 2010, quello dove Guardiola rispose alle provocazioni di Mourinho con frasi come: “Non so qual è la telecamera di José, forse tutte“, che precedettero lo “stupro” del Barça ai danni del Real, 5-0. Ecco, questo nostro momento storico, mi ricorda quello del 2010 di Barca e Real, dove i catalani si imposero definitivamente sui rivali franchisti.

Sarri, c’è posta per te e per il Napoli

Questo pensiero è un post-it per i giocatori e per il tecnico del Napoli, che nella mia immaginazione viene appeso e fatto leggere negli spogliatoi prima del fischio d’inizio. E non è solo un attacco agli avversari, né ho anche per i nostri; se non abusano della Juve, (inutile dire se pareggiano o perdono), si perde la guerra, perché comportamenti come quelli della Juve, meritano un solo trattamento: un’umiliazione sportiva, e il Napoli ha i mezzi per farlo. Cosi come i catalani hanno fatto nel 2010, e cosi come è successo tra squadre rivali in momenti clou della loro storia, il Napoli venerdì deve fare il salto definitivo abbandonando questi odiosi e perdenti ragionamenti che ci vedono sfavoriti e soddisfatti in caso di vittoria per 1-0. E non è vittimismo se dico “Arbitraggio permettendo”. E’ storia.