L’Olimpico canta «odio Napoli» Insigne li punisce così

Cori beceri dalla curva sud che incita al Vesuvio e sostiene Gastone. L’Olimpico canta «odio Napoli». Insigne li punisce. Il Napoli domina la capitale.

ROMA– La partita tra i tifosi giallorossi e i tifosi gli azzurri  comincia prima della sfida tra le squadre. Si parte con lo striscione  esposto nel settore occupato dai fedayn roma fuori per i primi 15 min per protesta contro le sanzioni avvenute in curva sud .

L’Olimpico canta «odio Napoli»

Durante i primi minuti della gara dalla curva sud si leva ogni sorta di coro becero , dal canonico «Vesuvio Lavai» ai cori di sostegno per Daniele De Santis per finire con «odio Napoli».

Insigne li punisce

Proprio mentre l’olimpico cantava odio Napoli, come a voler fermare il tempo,
arriva  il vantaggio del Napoli: Insigne in area di rigore: tiro immediato sul primo palo e Alisson non ha neanche il tempo di reagire. La corsa di lorenzo verso i compagni e lo sguardo verso la curva sud ammutolita, un’ esternazione di napoletanità totale.

Curiosità

Per Lorenzinho è il primo gol alla Roma, il 100° da professionista e la rete numero 200 del Napoli targato Sarri.

Il Napoli domina la capitale

Daniele De Rossi quasi a fine gara ripreso dalle telecamere, di fronte all’ennesima chiusura difensiva di Koulibaly, ha allargato le braccia come a dire: “Contro questi qui non possiamo fare nulla”.

Anche Di Francesco si arrende

Al capitano giallorosso fa seguito Di Francesco che in conferenza ammette: “abbiamo limitato una squadra che ha distrutto le precedenti avversarie, cosa che stasera non è successa”.Ammettendo di fatto la forza degli azzurri.


Hai trovato interessante l’articolo? Condividilo sui social

Testa le tue abilità e commenta sulla  nostra pagina Facebook

Sei pronto per seguirci su Twitter?

LEGGI ORA TUTTO SUL NAPOLI

COMINCIA SUBITO A CONOSCERE LA STORIA DI NAPOLI