Le Interviste

Ferlaino “razzismo? al nord sanno di essere inferiori e ci temono, ecco cosa bisogna fare…”

Ferlaino “razzismo? al nord sanno di essere inferiori e ci temono”. Lex presidente del Napoli parla al Mattino del fenomeno portato alla ribalta da De Laurentiis.

Di :Francesco De Luca il Mattino

Ferlaino “razzismo? al nord sanno di essere inferiori e ci temono”.

Corrado Ferlaino, presidente del Napoli per 33 stagioni, ha vissuto sulla sua pelle il razzismo negli stadi.

«Una volta, a Udine, un tifoso dei bianconeri mi sputò in testa per tutta la partita. Pensai: ma quanta saliva ha? Lo ignorai e negli spogliatoi parlai con i giornalisti soltanto della prestazione della squadra».

Ingegnere Ferlaino, quanto è grave la questione razzismo, nuovamente sollevata da De Laurentiis dopo la partita di Champions?

«È un argomento complesso. Anzitutto,va fatta una distinzione tra le metropoli del Nord e le città di provincia. Il fenomeno è molto più forte a Udine, Brescia, Bergamo, Verona. In alcuni luoghi c’è uno storico atteggiamento ostile verso i meridionali perché arrivarono alla ricerca di lavoro, un po’ come oggi accade nei confronti degli extracomunitari.

Io ho vissuto tre anni a Milano e la situazione nella metropoli è differente.

Sono stato“razzista” al contrario, nel senso che frequentavo solo meridionali come l’ex presidente della Federcalcio Sordillo e giornalisti come Palumbo e Cannavò: non “accettavamo”milanesi a cena. Anni dopo, sono stato eletto consigliere della Federcalcio all’unanimità mentre Boniperti, presidente della Juventus, passò a maggioranza».

Il fenomeno esiste e sembra sempre più grave.

«Si parla degli stadi del Nord, tuttavia io ricordo accoglienze particolarmente ostili a Bari e Reggio Calabria per il Napoli e i suoi tifosi: un acceso senso di invidia verso la squadra più importante del Sud».

Come bisogna intervenire, dato che la Federcalcio ha ridotto a irrilevanti multe le sanzioni per la discriminazione territoriale?

«Parlare il meno possibile di queste situazioni per non dare importanza a una minoranza che può trasformarsi in maggioranza, se appunto viene accreditata. In passato, difronte a a questi attacchi, abbiamo saputo dare sublimi risposte».

Quali?

«Quello striscione nella partita contro il Verona: “Giulietta è‘na zoccola. Chi lo inventò magari neanche sapeva chi fosse Shakespeare, però fu geniale. Reagì con due delle migliori armi dei napoletani: l’intelligenza e l’ironia. Non dobbiamo sentirci umiliati:con queste attenzioni ci viene dato quasi un attestato di superiorità».

Back to top button

Benvenuto su napolipiu.com

Consenti gli annunci sul nostro sito Sembra che tu stia utilizzando un blocco degli annunci. Ci basiamo sulla pubblicità per finanziare il nostro sito.