SKY. Napoli-Samp, le chiavi del match: ballottaggio Insigne-Mertens

Napoli, rinnovo Mertens, il retroscena nell'albergo a Genova. Novità sulla clausola...

SKY. Napoli-Samp, le chiavi del match. Ballottaggio Insigne-Mertens ma restano i dubbi per la formazione. Intanto Quagliarella cerca il gol del record

[better-ads type=”banner” banner=”81855″ campaign=”none” count=”2″ columns=”1″ orderby=”rand” order=”ASC” align=”center” show-caption=”1″][/better-ads]

Napoli-Sampdoria. La manovra degli azzurri sembra essersi inceppata, i blucerchiati continuano invece a viaggiare oltre le attese grazie soprattutto alla vena realizzativa di Quagliarella, che punta a segnare per la 12.esima partita consecutiva.

Situazione Napoli

Il Napoli ha incontrato due volte il Milan, prima in campionato e poi in Coppa Italia, e la sua manovra sembra essersi inceppata, nonostante l’impiego simultaneo di tanti giocatori offensivi. Nello 0-0 della gara di campionato, infatti, Ancelotti aveva schierato una mediana a 4. Essa era composta da Callejon, Fabian Ruiz, Zielinski e Insigne. Inoltre c’ era la coppia d’attacco Milik–Mertens e il terzino di spinta Malcuit, anziché un centrale come Maksimovic.

Le chiavi tattiche del match

La squadra di Ancelotti nelle ultime partite ha avuto problemi sia nella produzione offensiva, a causa di una circolazione piatta e poco efficace nel pescare l’uomo tra le linee, sia nell’ applicazione del pressing altoLa Sampdoria, invece,difende in maniera abbastanza diversa dalla squadra di Gattuso. La Samp, infatti, vuole consolidare il possesso sulla trequarti avversaria, per poter attivare il palleggio tra le due punte, e i centrocampisti. Per il Napoli sarà dunque importante non mostrare titubanza nella propria metà campo, perché la pressione sulla costruzione avversaria da parte della Sampdoria è abbastanza intensa e punta a indirizzare la circolazione verso l’esterno.

Dubbi di formazione in casa azzurra

Sky Sport ha mostrato il grafico della probabile formazione del Napoli in vista della sfida casalinga. Sono tre i dubbi di Carlo Ancelotti: Albiol non è al meglio, ma è favorito su Maksimovic; Zielinski più probabile sulla fascia sinistra, ma non è da escludere una chance per Verdi; in attacco Milik certo del posto, Insigne e Mertens si giocano l’altra maglia con il napoletano favorito sul belga. Sembrano quindi certi di essere in campo Allan ed Hamsik che quindi ritornerebbero a far coppia dopo l’assenza forzata dello slovacco a causa dell’infortunio rimediato con l’Inter. Conferma per Malcuit, mentre a sinistra ritorna Mario Rui, a centrocampo Callejon riprende il suo posto da titolare sulla fascia.

La Sampdoria si affida a Quagliarella

La Sampdoria sta invece continuando a sfruttare l’elevata produttività di Quagliarella, in pieno overperforming. La squadra di Giampaolo è infatti quella di Serie A col maggior divario tra il numero di reti effettivamente realizzate (34), rigori esclusi. Il merito, per buona parte, va al cinismo di Quagliarella, che ha segnato 12 gol (senza contare i rigori). La Sampdoria è comunque una squadra molto temibile quando prende campo, perché accetta di alzare parecchi uomini sulla linea della palla, anche a costo di concedere transizioni pericolose agli avversari, alzando di parecchio la linea difensiva. Il centrocampo di Giampaolo riveste dunque un ruolo cruciale nello sviluppo del gioco e nella fase di non possesso, perché per un corretto funzionamento difensivo è necessario che le scalate verso il pallone avvengano con rapidità e sincronia, per evitare di farsi trovare scoperti sul lato debole, il principale limite di una disposizione parecchio rigida. Dunque, Ancelotti ha bisogno di un’inversione di tendenza, mentre Giampaolo di una ulteriore prova di maturità. Una sfida complicata per entrambe le squadre, ma che sarà ricca di spunti tattici.