San Paolo, è polemica. Il Comune di Napoli: “ADL ci deve 6 milioni”

San Paolo, continuano i lavori. Grazie a Borriello, stavolta tocca a...

San Paolo, è polemica. Il Comune di Napoli: “ADL ci deve 6 milioni”. Continuano ancora frizioni tra Comune e società sulla questione relativa allo stadio

[better-ads type=”banner” banner=”81855″ campaign=”none” count=”2″ columns=”1″ orderby=”rand” order=”ASC” align=”left” show-caption=”1″][/better-ads]

San Paolo, è polemica. Il Comune di Napoli: “ADL ci deve 6 milioni”. Continuano ancora frizioni tra Comune e società sulla questione relativa all’ impianto di Fuorigrotta. Secondo quanto riferito da “Il Mattino” nell’edizione odierna, il Comune avrebbe chiesto il pagamento di 6 milioni di euro per pendenze arretrate, dato che il Napoli avrebbe ancora dei canoni da pagare.

Tira e molla tra Comune e società

Il Comune ha chiesto alla Siae la cifra degli incassi al botteghino del San Paolo della Ssc Napoli delle ultime tre stagioni agonistiche. Si tratta del periodo nel quale la società di patron Aurelio De Laurentiis ha utilizzato l’impianto di Fuorigrotta a tariffa. L’ ipotesi è dunque fuori convenzione, vale a dire pagando di partita in partita l’utilizzo dello stadio. Un segnale non certo di pace quello che arriva da Palazzo San Giacomo che si ritiene danneggiato, in quanto la Società non avrebbe pagato mai la tariffa.

La reazione di ADL

Dal quartier generale del Napoli trapela irritazione in quanto il presidente e i suoi tecnici stanno ancora limando la bozza della convenzione. C’è l’intenzione di chiudere questo patto e un’azione di forza romperebbe definitivamente la possibilità di un accordo. La Società ricorda pure che Palazzo San Giacomo deve al Calcio Napoli ancora i soldi dei tornelli e di altri lavori effettuati alla vetusta struttura di Fuorigrotta.

Il restyling e non solo

Dunque il faccia a faccia di ieri in Comune tra il capo di gabinetto Attilio Auricchio e il manager della Società Alessandro Formisano, un colloquio durato oltre un’ora, non è stato solo il momento per fare il punto sui lavori di ristrutturazione dei quali è oggetto il San Paolo. Si sarà certamente parlato anche di questa vicenda oltre che dell’imminente assegnazione della gara per sostituire i sediolini dello stadio.

Le reazioni a Castel Volturno

A Castel Volturno sembrano essere infastiditi da questa proposta, che potrebbe addirittura rompere la possibilità di un nuovo accordo tra le parti.
Intanto, gli avvocati di ADL stanno lavorando alla convenzione e ci sarebbero ancora due punti fondamentali sui quali non si sarebbe trovato ancora l’accordo: il primo è il milione di euro chiesto dal Comune per pagare l’affitto dello stadio, cifra esagerata secondo ADL che ha anche affermato: “Al Parco dei Principi di Parigi si paga di meno, e lì si gioca solo a calcio”. Inoltre tra i problemi ci sarebbero delle perplessità riguardanti la durata della convenzione. Il secondo punto è l’utilizzo che dovrebbe effettuare la società riguardo agli spazi della struttura in gran parte inutilizzati.

 

Altre storie
Conosciamo gli stadi dove giocherà il Napoli: Anfield, Red Bulll Arena, Luminus Arena e una sorpresa.