ULTIME NOTIZIE SU NAPOLI

L’ Oms contro Napoli per la festa dopo la vittoria della Coppa Italia: “Sciagurati”. La risposta di De Luca

oms napoli

L’ Oms contro Napoli. Ranieri Guerra, direttore aggiunto dell’Organizzazione definisce Sciagurati i napoletani. La risposta delle istituzioni.

La festa per la Coppa Italia a Napoli ha scatenato le ire dell’OMS. Mercoledì sera la squadra di Gattuso vince il primo trofeo del calcio post-quarantena e in città si riversa una folla spontanea di migliaia di persone. Canti, fumogeni, bagni nelle fontane e ovviamente nessun distanziamento sociale. Il giorno dopo, la notizia è il distacco siderale tra le denunce dei virologi (che si rifanno alle leggi vigenti) e la serenità delle istituzioni: i primi sono in fase 3, gli altri in fase 4, o 5, o 6.

L’OMS CONTRO NAPOLI

L’allarme pubblico lo pronuncia in televisione Ranieri Guerra, direttore aggiunto dell’Organizzazione mondiale della sanità: “Sciagurati! – si riferisce ai napoletani scesi in piazza – Non ce lo possiamo permettere. Per fortuna a Napoli l’incidenza del virus è più bassa che altrove. Fa male vedere queste immagini.Ricordo quanto ha contato la partita dell’Atalanta all’inizio dell ’epidemia in Lombardia. Non vorrei che si ripetesse”.

Giuseppe Ippolito, direttore dello Spallanzani e membro del Comitato tecnico scientifico, definisce i festeggiamenti dei tifosi “situazioni disgustose”. “Tutte quelle persone – aggiunge – andrebbero identificate e tracciate. Se non bastano consapevolezza e senso di responsabilità è evidente che ci vogliono sistemi più rigidi, volendo anche coercitivi”.

LA RIPOSTA DI DE MAGITRIS

Per le istituzioni, si legge sul Fatto Quotidiano, che avevano la responsabilità dell’ordine pubblico a Napoli, invece, quelle di Guerra e Ippolito sembrano preoccupazioni aliene. Ripetono tutti, con formule diverse: sarebbe stato semplicemente impossibile impedire alle persone di scendere in piazza.

Nessuna ordinanza o pianificazione preventiva dell’ordine pubblico sarebbe stata legittima o efficace. Di prima mattina il sindaco di Napoli Luigi De Magistris (ospite di Coffee Break su La7) definisce invece la festa dei napoletani “il contagio della felicità”.

Preferisce non rispondere alle domande dei giornalisti, ma diffonde un lungo comunicato: “Ormai dai primi di giugno a Napoli c’è contagio zero e ieri sera in piazza c’erano solo napoletani. Inoltre non capisco chi sarebbe dovuto intervenire: dovremmo fare appello al lanciafiamme rimasto senza fuoco del presidente della Regione? Né tantomeno ritengo che si potesse ipotizzare che le forze dell’ordine intervenissero a separare le persone con il battipanni”. Al di là dei toni folkloristici, la linea De Magistris per una volta è la stessa di De Luca.

LA RISPOSTA DI DE LUCA

Il governatore ieri si è rifiutato di parlare degli assembramenti, ma lo farà oggi, anche per rispondere alle provocazioni sul tema del “somaro Salvini”. Ma la versione informale della Regione Campania è questa: il “lanciafiamme” è rimasto nel cassetto perché non ce n’è più bisogno. In Regione i nuovi casi sono praticamente azzerati, dalla prossima settimana cadrà anche l’obbligo di portare la mascherina all’aperto.

E la linea di De Luca coincide a sua volta con quella di Prefettura e Viminale. Nessun caso, sostengono fonti della polizia locale: “

Archivi