Primo Piano

Napoli-Juve, il duello nascosto Osimhen-Bremer: Tutto quello che non avete visto

Durante Napoli-Juve grande duello tra Osimhen e Bremer con continui colpi proibiti, strattoni e provocazioni a palla lontana.


CALCIO NAPOLI – Nel corso dell’ultima giornata di campionato, la sfida Napoli-Juventus ha riservato agli spettatori molto più di un semplice incontro calcistico. Tra le maglie azzurre e bianconere si è consumato un duello sottotraccia, una battaglia silenziosa ma intensa: quella tra Victor Osimhen e Gleison Bremer. Un confronto che ha riportato alla memoria i tempi di Edinson Cavani e Giorgio Chiellini, dove la tensione tra i due era palpabile in ogni scontro.

Il teatro di questo scontro, lo stadio Diego Armando Maradona, ha visto i due protagonisti darsi battaglia con colpi durissimi, spesso lontani dall’azione principale del pallone. Una sfida fisica, tattica e psicologica che ha definito in parte l’esito della partita terminata 2-1 a favore dei padroni di casa.

Osimhen e Bremer, quello che non avete visto di Napoli-Juve

Osimhen, bomber nigeriano del Napoli, e Bremer, difensore brasiliano della Juventus, hanno continuato il confronto iniziato nella scorsa stagione, quando il Napoli inflisse una pesante sconfitta ai bianconeri. In quell’occasione, Osimhen fu tra i principali artefici del 5-1 che mise in crisi la squadra di Allegri.

Napoli-Juventus, Mariani come Orsato: Non solo il rigore negato. Spunta un particolare che in pochi hanno notato

La rivalità si è riaccesa quest’anno con Bremer che, dopo una delle sue peggiori prestazioni nella passata stagione, si è presentato sul campo con l’intento di riscattarsi. Il difensore, nei giorni precedenti, aveva studiato a fondo Osimhen, come rivelato in un’intervista a DAZN, dove spiegava la sua strategia di marcatura basata sulla velocità e sul movimento senza palla dell’attaccante.

Il duello si è manifestato in tutto il suo vigore quando le telecamere hanno catturato momenti di marcatura aspra, con Bremer che non perdeva di vista il suo avversario, strattonando la maglia di Osimhen o cercando di innervosirlo con provocazioni fisiche. Tuttavia, il nigeriano ha mantenuto la calma, rispondendo sul campo senza ricercare l’attenzione dell’arbitro, ma piuttosto impegnandosi in una lotta equa con il suo rivale.

L’attaccante azzurro non è rimasto a guardare, rispondendo con sportellate e corpo a corpo energici, ma senza mai eccedere. Un duello nello duello, una sfida personale andata avanti per tutta la partita, che ricorda quelle del passato tra Cavani e Chiellini.

Alla fine Osimhen si è guadagnato il rigore poi realizzato da Raspadori che ha deciso la sfida. Dunque vittoria del Napoli, ma Bremer esce a testa alta dopo aver lottato con le unghie e con i denti contro il pericoloso numero 9 azzurro.

Alla fine, il Napoli ha vinto la partita per 2-1 contro la Juventus, ma il vero vincitore di questo duello è stato sicuramente il calcio, che ha regalato agli appassionati una partita entusiasmante e ricca di emozioni.

Benvenuto su napolipiu.com

Consenti gli annunci sul nostro sito Sembra che tu stia utilizzando un blocco degli annunci. Ci basiamo sulla pubblicità per finanziare il nostro sito.