Infantino e Platini aiutarono Psg e City. Scoppia lo scandalo Football Leaks

Infantino e Platini aiutarono Psg e City. Scoppia lo scandalo Football Leaks

Infantino e Platini aiutarono Psg e Manchester City sul fair-play finanziario. Football Leaks svela i  documenti che aggirarono il Financial Control Club.

Football LeaksInfantino e Platini aiutarono Psg e City. La denuncia di Aurelio De Laurentiis sul Psg  fece rumore in Francia. Il presidente del Napoli, definì il club parigino “prestigiatore finanziario“.

Oggi la vicenda si arricchisce di un nuovo capitolo destinato a fare molto rumore. Football Leaks, avrebbe consegnato documenti scottanti ai quotidiani ‘Der Spiegel’ e L’Equipe’.

Fair-play finanziario

I faldoni parlano di: Contratti di sponsorizzazione retroattivi, perizie ignorate, organi di controllo bypassati. Aspetti inediti della disputa in atto nel 2012 tra Uefa, Paris Saint Germain e Manchester City sul rispetto delle regole del fair-play finanziario.

Michel Platini e  Gianni Infantino

Ma non è finita qui, i documenti rivelano come i due club siano stati aiutati dai vertici dell’Uefa a mitigare il ‘rigore’ delle sanzioni. Secondo i documenti elaborati dal consorzio europeo di media Investigative Collaborations (EIC), tra cui Mediapart in Francia, così come rivelato da ‘Der Spiegel’ e L’Equipe’, il duo a capo dell’Uefa fino al 2016, il presidente Michel Platini e il segretario generale Gianni Infantino, oggi numero uno della Fifa, hanno accettato di negoziare con le proprietà di Psg e City.

Contratti di sponsorizzazione

Risultato: impegni riservati, in particolare sulla questione cruciale del valore dei contratti di sponsorizzazione di club, ‘in barba’ al Financial Control Club (ICFC), organismo indipendente Uefa del Fair Play Finanziario. Mediapart riferisce anche di una multa di ‘soli’ 60 milioni di euro alle due società che, al contrario di altre, non furono escluse dalle competizioni continentali.

Indice

false

BENVENUTI SU NAPOLIPIU.COM

Leggi Anche
conte minacce proiettili
Inter, minacce a Conte, busta con proiettili recapitata al tecnico. Cosa dirà adesso Cruciani?