Gattuso discorso alla squadra: “Via la paura. Vi voglio aggressivi”

Gattuso discorso Napoli
Ultimo aggiornamento:

Discorso alla squadra per Gattuso che ieri a Castel Volturno ha diretto il suo primo allenamento. “Via la paura, vi voglio aggressivi” ha detto Ringhio.

Le parole vengono riportate da Repubblica, che tratta l’argomento nell’edizione odierna presente in edicola. La presenza di Gattuso si è subito fatta sentire al centro sportivo di Castel Volturno, dove sono state udite anche delle urla lanciate proprio dal nuovo allenatore del Napoli che ha sostituito l’esonerato Ancelotti.

Grinta Ringhio

Via la paura. Vi voglio aggressivi“. Il discorso alla squadra di Gattuso comincia con parole incisive che devono avere l’effetto di scuotere la squadra, caduta oramai da circa un mese nel baratro tra polemiche multe e risultati negativi. L’ultimo spiraglio di luce lo ha regalato proprio Carlo Ancelotti, allenatore gentiluomo e leader calmo che non ha inciso come ci si aspettava. La qualificazione agli ottavi di Champions resta un ottimo risultato, ma dal tecnico di Reggiolo ci si attendeva qualcosa in più. Così la palla è passata a Gattuso suo allievo fin dai tempi del Milan. “Per me è come un padre” ha detto in conferenza stampa, ma già quando allenava i rossoneri Ringhio aveva detto: “Nei momenti di difficoltà chiamo Carlo”. Segno di rispetto verso uno degli allenatori più vincenti al mondo.

Nel discorso alla squadra Gattuso ha voluto comunque portare la sua personalità. Come riporta Repubblica il tecnico ha subito fatto sentire la sua presenza con i giocatori: “Levatevi quella paura dalla faccia: vi voglio aggressivi, determinati, sicuri dei vostri mezzi“. Una terapie d’urto quella del nuovo tecnico del Napoli che sabato deve già affrontare il Parma. Gattuso, che ha firmato un contratto di 6 mesi con clausole di rinnovo, porterà un nuovo modulo ma sa bene che in pochi giorni sarà difficile dare subito la sua impronta tattica alla squadra. Così è necessario agire sui nervi, sulle emozioni, sulla testa dei calciatori, perché sa che quella può e farà sempre la differenza.