Rassegna Stampa

Crisi Covid: perdite per la holding Filmauro, pesano quelle di Napoli e Bari

Il presidente del Napoli ha verso solo 16 milioni per partire dalla C, poi mai più un centesimo

Il Napoli di Aurelio De Laurentiis ha sempre guardato e gestito con estrema attenzione le finanze del club. Il patron della SSCN ha sempre promesso ai tifosi che la società non sarebbe mai fallita, insomma nessun ritorno in Serie C e anni bui e di anonimato in Serie B. De Laurentiis ha continuano su questa linea, accumulando anche una liquidità di oltre 120 milioni di euro. Soldi che non vengono immessi sul mercato, nonostante la situazione complicata, un gesto che ha attirato le critiche ad esempio di Paolo Del Genio.

Bilanci Filmauro: Napoli e Bari in rosso

Ecco quanto scrive Gazzetta dello Sport sulla situazione finanziaria del club partenopeo:

Il Napoli si è presentato dinnanzi alla sfida pandemica con un prospetto economico finanziario tra i più virtuosi del calcio italiano: al 30 giugno 2020 patrimonio netto di 126 milioni, liquidità di 124 milioni e zero debiti bancari. Ma De Laurentiis ha sempre imposto al club una gestione autarchica, senza dover ricorrere all’apporto dell’azionista che, dopo i 16 milioni versati nei primi anni in C, non ha più messo mani al portafoglio. E non ha intenzione di farlo adesso, anche perché il Covid ha presentato il conto pure per le sue attività extra-calcistiche, cinema in primis: nel 2020 la perdita di 35 milioni della holding Filmauro derivava per 19 milioni dal Napoli, per 5 dal Bari e per 12 dal resto delle partecipazioni.

Senza investitori bisogna fare tutto da soli, come sottolinea il quotidiano in rosa che continua:

Quindi il Napoli, anche al tempo del coronavirus, dovrà continuare a camminare sulle sue gambe. Così si spiega il diktat presidenziale. Nel corso degli ultimi anni le spese sportive sono via via lievitate, fino a raggiungere nel 2019-20 quota 259 milioni (141 stipendi e 118 ammortamenti) a fronte di 179 milioni di ricavi caratteristici: nell’ultimo bilancio approvato è emerso un deficit di 19 milioni nonostante i 96 di plusvalenze e i 61 della Champions. E gli ingaggi sono ulteriormente cresciuti nel 2020-21, contestualmente al crollo del fatturato a causa degli stadi chiusi: in attesa dell’approvazione del bilancio, le nostre stime propendono per un rosso superiore ai 50 milioni al 30 giugno 2021, di gran lunga la peggiore performance economica del club azzurro sotto l’attuale presidenza. La stagione che sta cominciando sarà la seconda di fila senza i ricchi premi della principale competizione europea. Danni pesanti che, uniti al Covid, rendono urgente il contenimento dei costi.

Back to top button

Benvenuto su napolipiu.com

Consenti gli annunci sul nostro sito Sembra che tu stia utilizzando un blocco degli annunci. Ci basiamo sulla pubblicità per finanziare il nostro sito.