TUTTE LE NOTIZIE SUL CALCIO NAPOLI

Allarme coronavirus, De Luca: “Pronto a chiudere di nuovo la Campania”

de luca chiudere campania

Il governatore Vincenzo De Luca si dice pronto a chiudere di nuovo la Campania a causa dell’aumento dei casi di coronavirus.

Sono 68 i nuovi casi di oggi in Campania a causa del coronavirus, per questo Vincenzo De Luca dice di essere pronto a chiudere la regione. In diretta facebook il governatore ha fatto il punto della situazione: A fine agosto capiremo se chiedere o meno al governo di ripristinare la limitazione della mobilità regionale“. Dunque nei prossimi quindici giorni gli amministratori regionali potrebbero decidere di bloccare tutto e limitare gli spostamenti solo per “motivi di lavoro e di salute. Ci regoleremo anche in base ai contagi nel resto d’Italia” dice De Luca.

Sulla possibilità di chiudere la Campania il governatore De Luca non vuole sentire ragioni ed è pronto ad andare avanti con una nuova ordinanza. “Potevamo far finta di non vedere i casi che provenivano dall’estero, ma invece, coscientemente, abbiamo deciso di affrontare il problema immediatamente. Meglio avere un aumento di contagi nel momento che affrontare poi centinaia di nuovi casi nel prossimo futuro” ha detto De Luca durante la diretta. Il presidente della Regione Campania ha anche sottolineato che se il governo ha deciso di controllare solo “coloro che provenivano da Grecia, Spagna, Malta e Croazia, noi abbiamo deciso di controllare tutti. Dato che – ha proseguito – abbiamo registrato contagi anche da Bulgaria, Romania, Egitto e Messico“. La prospettiva di chiudere di nuovo la Campania è dovuta anche all’atteggiamento delle città del Nord. “Sono sconcertato da quanto fatto da alcune regioni del nord Italia che hanno non hanno ritenuto opportuno effettuare il tampone per i cittadini che tornavano dall’estero. E’ stata una scelta irresponsabile“. Anche il Napoli calcio deve fare i conti con la questione coronavirus, Petagna è stato trovato positivo, mentre domenica tutti i giocatori faranno i tamponi prima del ritiro.

Archivi