Varie-Calcio

Tiki Taka il trash è servito, la chiappa di Ceccherini e la morte del calcio -VIDEO

Bollino rosso per il programma di Chiambretti

La chiappa di Massimo Ceccherini a Tiki Taka è il trash per eccellenza nel programma di Piero Chiambretti. Un programma quello che va in onda su Italia 1 il lunedì sera che ha poco o nulla a che fare con il calcio. Vi è mai capitato di vedere una puntata di Tiki Taka? È qualcosa di orribile, se si vuole sentire parlare di calcio è molto meglio cambiare canale. Ed anche in termini di ironia non fa ridere più di tanto, nonostante le risate a crepapelle di Massimo Mauro e Giuseppe Cruciani durante la puntata di lunedì 13 settembre 2021.

 

Ceccherini: bollino rosso

Lunedì è andato in onda un pezzo di trash: a Tiki Taka era in collegamento Massimo Ceccherini che senza dire mezza parola di calcio, ma parlando di tutt’altro ha pensato bene di mostrare una chiappa in TV. Nel secondo collegamento dopo aver detto che la “Juve gioca peggio dello Scandicci” ha fatto pensare che dopo il lavoro B volesse mostrare anche il lato C, come egli stesso lo ha definito. Da qui sono partite sonore risate con Zazzaroni e Cruciani che in alcuni casi hanno anche avallato quanto detto da Ceccherini. L’attore non ha fatto altro che fare ammiccamenti sulle ragazze presenti nello studio di Tiki Taka.

Lo studio di Tiki Taka

L’astrologo Sorrentino

Nella terza puntata del talk trash, Tiki Taka, ritorna anche l’astrologo Riccardo Sorrentino. Per tutto il collegamento si sente poco o nulla di quello che dice Sorrentino, con un audio pessimo e le risate degli ospiti in sottofondo. Una situazione forse cercata, magari voluta, ma che nulla ha a che fare con il calcio. Perché Tiki Taka sembra essere tutto fuorché un programma in cui si parli di calcio, nonostante si ci provi pure a farlo.

Leggi anche

Giletti: “Cari Napoletani gli scudetti non si vincono a settembre. Attenti alla Juve”.

Back to top button

Benvenuto su napolipiu.com

Consenti gli annunci sul nostro sito Sembra che tu stia utilizzando un blocco degli annunci. Ci basiamo sulla pubblicità per finanziare il nostro sito.