Tutto Napoli

Repubblica – Spalletti a De Laurentiis: «Si vince con i giocatori forti». I 5 punti fermi del nuovo Napoli

Luciano Spalletti manda un messaggio chiaro De Laurentiis. Il tecnico ha ripescato Giuntoli punterà su Osimhen

«Si vince con i giocatori forti», Luciano Spalletti nella conferenza stampa di presentazione  è stato chiaro con De Laurentiis e con la tifoseria napoletana. il tecnico ha accettato la panchina del Napoli pur consapevole che la linea societaria sul mercato passa per le cessioni, alcune potrebbero essere anche eccellenti. Antonio Corbo sull’edizione odierna del quotidiano la Repubblica ha sintetizzato l’arrivo di Spalletti in 5 punti fermi

«Spalletti è allenatore vero. Hanno un senso anche le pause teatrali, i toni e le cose non dette: è attento alle finali e al congiuntivo, come alla linea societaria. Uomo di campagna, se la cava subito quando sale a bordo: non va in coperta con l’equipaggio, ma sceglie la cabina di comando. Dice quello che al presidente piace sentire. Solo una volta deroga: «Si vince con i giocatori forti.  Ne avrà?».

Corbo ha poi aggiunto: « Ecco 5 punti cardinali di Spalletti:

  1. A Insigne telefonò dopo un gol europeo . Significativo il messaggio: “Far parte del Napoli per molti anni significa rimanere della storia di Napoli”. Più chiaro di così?
  2. Ammette di aver telefonato anche a Emerson.
  3. Su rinnovi che saltano e i tagli sostiene la linea austera. Non spende una parola per farla cambiare. Sa che il calcio è in crisi, non si piazza controvento, insiste sull’invito a rimanere «per entrare nella storia della città». Sa che nessuno vuol perdere soldi, dai milionari del gol ai poveri cristi della Whirlpool , ma ci prova. È gioco di scuderia.
  4. Al contrario di Sarri che si legò a Reina e ai tifosi in dissonanza con il presidente, di Gattuso che si era saldato a Insigne, Koulibaly e Mertens, Spalletti si sente uomo di società. Rimette al suo posto Giuntoli, riapparso ieri. Lo considera il suo punto di riferimento perché può parlare come lui e con lui di calcio, in un club dove decide quasi sempre De Laurentiis con Andrea Chiavelli, l’a.d. che esce dalle quinte e balza in prima fila. Non può prendersi solo il presidente l’impopolarità di decisioni drastiche, ma inevitabili senza i 50 milioni della Champions.
  5. Come De Laurentiis, anche Spalletti presenta il conto. «Dirò ai giocatori che hanno debiti con me». Certo, era sul divano mentre lo degradavano dalla Champions alla Europa League. La tv inquadra il sorriso appagato del presidente. Finalmente uno che pensa e parla aulico come lui. Diverso solo il look. Camicia bianca con abito blu notte e cravatta uguale l’8 luglio si vedono solo nei ministeri romani».

Back to top button

Benvenuto su napolipiu.com

Consenti gli annunci sul nostro sito Sembra che tu stia utilizzando un blocco degli annunci. Ci basiamo sulla pubblicità per finanziare il nostro sito.