Calcio Napoli

Napoli-Torino, Piero Chiambretti: “Azzurri, occhio a Juric, vi ha già sgambettati una volta…”

Il conduttore di tiki taka avvisa gli azzurri in vista della sfida contro i granata

Piero Chiambretti parla di Napoli-Torino. Il conduttore di tiki taka avvisa gli azzurri: “Occhio a Juric, vi ha già sgambettati una volta”

PIERO CHIAMBRETTI SU NAPOLI-TORINO

A “1 Football Club”, programma radiofonico condotto da Luca Cerchione e Paolo Bargiggia in onda, il lunedì, su 1 Station Radio, è intervenuto Piero Chiambretti. Ecco quanto evidenziato da Napolipiu.com

Napoli-Torino? Il risultato pare scontato, ma devo avvertire i tifosi azzurri: sono sicuro che il Toro andrà al Maradona con la voglia di giocarsela e, complice l’esperienza di Juric che nella scorsa stagione ha sgambettato la squadra di De Laurentiis impedendogli di accedere alla Champions, qualcosa può accadere.

Questione Belotti? È difficile, lui è la storia recente del Toro, dobbiamo tanto a lui e il ragazzo dopo anni cerca stimoli nuovi, nonostante il nuovo mister ne abbia portati tanti. Ad Andrea va riconosciuto il fatto che i pochi gol segnati nella passata stagione, sono stati quasi tutti suoi. Venderlo a gennaio non farebbe bene alla squadra, solo alle casse della società. So per certo che lui vuole restare a Torino. 

Cairo braccino corto? Non è proprio così: ha dato stipendi importanti, portando la squadra al settimo posto per monte ingaggi in Serie A, ma i calciatori non si sono dimostrati all’altezza dei loro compensi. Mi riferisco a gente del calibro di Niang, Verdi e Zaza, ma anche altri. Non incolperei nemmeno i direttori sportivi che, a parte Petrachi, non avevano una grossa esperienza”.

ULTIMO ANNO A TIKI TAKA

Chiambretti dopo Napoli-Torino, parla del suo libro e della trasmissione Tiki Taka:

“Il mio libro, Chiambretti. Autobiografia autorizzata dalla figlia margherita,  L’ho dedicato a mia figlia, lo definirei un testamento. Lei ha solo dieci anni, dunque non conosceva gran parte della mia carriera e, attraverso questo scritto, ho voluto raccontargliela. Lei ha scritto la prefazione, poi l’ha corretta, ma io ho pubblicato la prima versione, quella in cui c’erano errori tipici dei bambini della sua età. Ha avuto da ridire anche sulla copertina: dice che ho scelto una sua foto in cui ha un sopracciglio storto!”

Come è nato il ‘mio’ Tiki Taka? Ho riflettuto su cosa fanno gli altri, il calcio parlato miete ancora delle vittime e se avessi dovuto seguire le orme di chi c’era prima di me alla conduzione, non sarei stato me stesso. Andando in onda per ultimo tra i programmi sportivi, ho pensato che oltre al calcio avremmo dovuto proporre anche intrattenimento. Insomma, non solo una veduta tecnica dello sport stesso. Certamente il calcio non è il mio mondo, ma tutti posso dire la loro: questo è il bello di questo sport. Lo scorso anno i dati di ascolto ci hanno dato ragione, ma credo che questo sarà il mio ultimo anno. In tema di calciomercato devo darvi un’esclusiva: volevo acquistare Bargiggia per Tiki Taka, ma poi non abbiamo trovato la quadra!”.

Back to top button

Benvenuto su napolipiu.com

Consenti gli annunci sul nostro sito Sembra che tu stia utilizzando un blocco degli annunci. Ci basiamo sulla pubblicità per finanziare il nostro sito.