Editoriali calcio Napoli

La fragilità difensiva è da mesi la zavorra del Napoli.

La fragilità difensiva è da mesi la zavorra del Napoli. Maksimovic è stato inguardabile. Finora gli svarioni di Reina o del reparto erano stati coperti, ma ora…

Di: Francesco De Luca il Mattino

La fragilità difensiva è da mesi la zavorra del Napoli

Se si è innervosito, ha avuto ragione, perché il Napoli è stato modesto nel primo dei quattro match chiave in undici giorni tra campionato, Coppa Italia e Champions League. Zero reti, zero punti, poco gioco, poca personalità. E soprattutto una difesa che ha confermato le sue gravi lacune.

La fragilità difensiva è da mesi la zavorra per la squadra che nell’anticipo a Fuorigrotta ha espresso poco del suo potenziale offensivo: due legni, un tiro a un soffio dal palo, c’èstato qualche buon intervento di Berisha. Il Napoli non è stato aiutato dal cambio di modulo dopo l’ingresso di Milik e Pavoletti né dall’espulsione di Kessie. In altrepartite era riuscito a raddrizzare il risultato dopo essere passato in svantaggio, ieri no, perché l’Atalanta gioca bene ed è lucida, spreca pochi palloni, al contrario dei tanti che sono stati buttati via da Diawara, Callejon e Hysaj.


Sarri tiene a rapporto la squadra. De Laurentiis resta in silenzio.


La manovra degli azzurri è stata lenta e prevedibile. E’ sembrato che il Napoli abbia affrontato l’inizio del tour de force con un eccessivo carico di tensioni. Certo, è il momento cruciale della stagione ma viverlo con queste ansie è un errore, pagato nel primo match a carissimo prezzo.

Il problema della difesa è quello più urgente da risolvere. Ma lo è da mesi. Sarri ha la sciato a riposo Koulibaly nel timore che potesse essere ammonito (era diffidato) e il suo sostituto Maksimovic è stato inguardabile.

Finora svarioni di Reina o del reparto erano stati coperti dalle prodezze di Hamsik e di una prima linea che ha retto al pesante urto della prolungata assenza di Milik, arrivando ai fatidici 60 gol.

Se la scintilla non scocca là davanti, è complicato conquistare anche un punto.È una rotta da cambiare subito: Juve,Roma e Real stanno arrivando e c’è il rischio che il Napoli si presenti un po’ appannato. Comprendendo il momento, i tifosi hanno intonato alla fine cori di sostegno: serve.


Vince il San Paolo. Gol della vittoria del popolo azzurro.


Back to top button

Benvenuto su napolipiu.com

Consenti gli annunci sul nostro sito Sembra che tu stia utilizzando un blocco degli annunci. Ci basiamo sulla pubblicità per finanziare il nostro sito.