Gazzetta. Il Psg non molla Allan, lui è tentato ma per Ancelotti è intoccabile

Allan pensa ancora al Psg. Dopo il no del Napoli a gennaio il rendimento del brasiliano è calato: però con l’Arsenal serve al top.



ALLAN-PSG. Due mesi dopo, la tregua resiste. Qualcosa, però, è rimasto di quei giorni di gennaio vissuti nell’incertezza del futuro. Saranno stati estenuanti per Marques Loureiro Allan, scrive la gazzetta, intorno al quale s’è creato l’interesse maggiore nella parte invernale del mercato.

LA TRATTATIVA

Lunghe giornate di indiscrezioni, trattative, intavolate per volontà del Psg, intenzionato a rinforzare il proprio centrocampo con l’acquisto del mediano brasiliano del Napoli. S’è sentito e scritto di tutto, a cominciare dall’offerta, variabile a seconda del borsino quotidiano.

Centoventi milioni di euro e Allan sarà del Psg, si diceva in quei giorni. Poi, 100 milioni, ma Aurelio De Laurentiis non avrebbe ceduto. Infine, 80 milioni, prendere o lasciare. E lo sceicco Nasser Al­ Kelaifi ha lasciato il giocatore lì dov’era, nonostante la delusione di Tomas Tuchel.

IL PSG VUOLE ALLAN

È innegabile, tuttavia, che la mancata cessione al Psg e la conseguente perdita economica (lo sceicco gli avrebbe garantito uno stipendio di 8 milioni a stagione per i prossimi 4 anni), abbiano scosso parecchio il nazionale del Brasile, tant’è che il suo rendimento non è stato più lo stesso.

Ma, la questione si riproporrà tra qualche mese, quando a stagione conclusa, il club parigino ritornerà a trattare. Sarebbero pronti 60­-70 milioni di euro per chiudere l’affare, ma la cifra non corrisponde alla richiesta del club di De Laurentiis.

A questo punto ci potrebbe essere un irrigidimento da parte dello stesso Allan che è stato sollecitato anche dal suo connazionale, Neymar, a vivere la nuova esperienza. Il suo stipendio attuale è di 2 milioni di euro a stagione e il contratto scadrà nel 2023. Dunque, c’è una differenza di 6 milioni tra quanto guadagna adesso e quanto otterrebbe andando al Psg.

Al momento, la situazione è in stand by, l’impegno in Europa League non ammette divagazioni di nessun tipo: la sfida con l’Arsenal coinvolge tutto l’ambiente.




E, dunque, anche le questioni relative al mercato sono state rimandate al termine della stagione. Ci sarà il tempo necessario, insomma, per affrontare la questione anche se Ancelotti s’è fatto garante dell’incedibilità del giocatore.