Lingua Napoletana

Lingua Napoletana: da dove deriva ” Tricà “

Lingua Napoletana: O Pataterno è tricariello, ma nun è scurdariello letteralmente significa: Nostro Signore anche se ha tempi lunghi non dimentica. Ma da dove nasce il termine Tricà?

Di Gabriella Cundari

O Pataterno è lungariello, ma nun è scurdariello è la versione moderna di un detto più arcaico che recitava :‘O Pataterno è tricariello, ma nun è scurdariello.
Tricà è verbo di derivazione greca (ἄπορος) e tardo latina (tricae, triculum). Il significato è avviluppare confusamente, disordinatamente, arruffare, aggrovigliare, creare indugi o noie. Nel caso specifico, ‘o Pataterno crea trame confuse o complicate, che sembrano non portare mai alla conclusione e risoluzione. Ma non dimentica e, alla lunga, tutto si sbroglia!


C’è un altro lemma napoletano che al suo interno, ben nascosto, contiene “tricà”: è il mastrillo, ovvero la trappola per topi, parola composta da mus (topo) e triculum (impedimento).


Infine, va ricordato il detto “Tricà ca vene pesante” che invita ad aspettare a prendere pento, per guadagnare di più

Back to top button

Benvenuto su napolipiu.com

Consenti gli annunci sul nostro sito Sembra che tu stia utilizzando un blocco degli annunci. Ci basiamo sulla pubblicità per finanziare il nostro sito.