ULTIME NOTIZIE SU NAPOLI

Dalla Francia: “Osimhen va al Napoli, super incasso per il Lille”, le cifre

osimhen accetta offerta del napoli

Victor Osimhen sarà un giocatore del Napoli ne sono sicuri in Francia, con il portale Le10sport che scrive dà anche le cifre dell’affare.

Dalla Francia sono sicuri Victor Osimhen ha accettato l’offerta del Napoli. A rivelare la notizia è il portale Le10sport che parla di un interesse concreto da parte della società di Aurelio De Laurentiis pronta a chiudere l’affare con il Lille che piazzerà un maxi colpo in uscita. Il portale non lascia spazio ad altre ipotesi, parla del trasferimento di Osimhen al Napoli come una trattativa che andrà sicuramente in porto.

Il nigeriano fin dal primo giorno è stato sempre tentato dal progetto napoletano, dove avrà delle buone prospettive di crescita” scrivono in Francia e chiariscono che il calciatore ha avuto anche rassicurazione sul suo utilizzo nel prossimo campionato. L’incontro con Gattuso e De Laurentiis (Tuttosport avanza qualche dubbio in merito ndr) pare abbia chiarito definitivamente i dubbi del giocatore e degli agenti.

Osimhen al Napoli: le cifre dell’affare

Il Napoli non è interessato solo a Osimhen, ma anche a Gabriel difensore centrale del Lille. Gli azzurri potrebbero mettere sul piatto della bilancia un’offerta complessiva da 100 milioni di euro, cercando di abbassare l’esborso di cash con la contropartita Ounas. In ogni caso i due affari sono slegati.

Secondo Le10sport il Napoli per acquistare il cartellino di Osimhen pagherà 80 milioni di euro, in pratica gli stessi soldi che il club di De Laurentiis avrebbe voluto spendere per Pepé che poi finì all’Arsenal. Ora si attende che l’affare si concretizzi, dato che il Napoli crede molto in questo calciatore di 21 anni su cui si era fiondato anche il Liverpool. Nelle ultime ore anche l’Inter ha provato ad inserirsi nella trattativa, ma il Napoli è in netto vantaggio. La volontà del club partenopeo è quella di assicurarsi un giovane dal grandissimo potenziale, sia per il presente che per il futuro.

Archivi