Calciopoli, Luis Figo: “La Juve vinceva per motivi oscuri. Moggi non mi fece giocare in Italia per due anni”

Calciopoli, Luis Figo a four four two: "La Juve vinceva per motivi oscuri"

Calciopoli, Luis Figo a four four two: “la Juve vinceva per motivi oscuri.  Moggi non mi fece giocare in Italia per due anni”.

di redazione

Luis Figo ha rilasciato una lunga intervista al quotidiano four four two  parlando della Juventus e di calciopoli ecco quanto evidenziato

Calciopoli, Luis Figo racconta la sua esperienza

Dopo Calciopoli, i giocatori dell Inter hanno davvero celebrato il titolo, o si lo avete  sentito come una vittoria vuota?:

“Quando la decisione finale è stata resa pubblica, la maggior parte di noi non era a Milano e naturalmente non lo abbiamo celebrato allo stesso modo. Ma tutti sappiamo che la decisione del tribunale ha riparato all’ingiustizia esistente negli anni precedenti. E ‘stato un premio equo per tutti i giocatori che si erano impegnati tanto era palese che la Juve vinceva per motivi oscuri“.

Moggi non mi fece giocare in Italia per due anni

Cosa è successo tra te, Juventus e Parma nel 1995? Hai davvero firmato per entrambi i club?
“Il mio contratto con lo Sporting stava per scadere e il club non aveva fatto nulla per trattenermi. Raggiunse un accordo con la Juventus per il  trasferimento, a mia insaputa. Quando l’ho scoperto e ho firmato un contratto con il presidente di Parma, Giambattista Pastorello.

Era l’unico contratto che firmavo veramente – quello che avevo firmato con la Juve non poteva essere un contratto valido. Ma Luciano Moggi, la cui influenza nel calcio capisco un po ‘più in questi giorni, mi ha impedito di giocare in Italia per due anni. Forse è stato il mio momento fortunato, perché alla fine sono andato a Barcellona.

Leggi l’intervista in lingua originale

false
Leggi Anche
Dino Zoff ad Ancelotti: «Carlo, affida la porta a Meret. È pronto per una grande squadra»
Zoff a Radio Marte: “Meret più bravo di me. Il Napoli può recuperare”