Rassegna StampaVarie-Calcio

Ziliani: “Ilaria D’amico è Juventina, la giornalista non si nasconde più”

Ilaria D’amico è Juventina, la giornalista di Sky non si nasconde più. Paolo Ziliani afferma: “ora si faccia chiamare Jlaria”.

 

[better-ads type=”banner” banner=”105133″ campaign=”none” count=”2″ columns=”1″ orderby=”rand” order=”ASC” align=”center” show-caption=”1″][/better-ads]

Ilaria D’amico è Juventina, la clamorosa gaffe della giornalista di Sky rivela la sua fede bianconera. Paolo Ziliani sul fatto quotidiano commenta cosi:

ILARIA D’AMICO JUVENTINA

Dicono che Ilaria D’Amico stia pensando di cambiare nome: vuole chiamarsi ancora Ilaria ma con la J iniziale, la J di Juventus, che la farebbe diventare Jlaria.

Ormai è tempo, la giornalista di Sky non si nasconde più. Indossando l’immancabile abito bianconero, nel dopo partita di Atletico-Juventus 2-0, mercoledì scorso, la compagna di Gigi Buffon, nel pieno del dibattito sulla difficoltà di giocare nella bolgia dello stadio Wanda Metropolitano, ha interrotto Fabio Capello e ha detto: “Non lo conoscevamo, noi della Juve”.

NOI DELLA JUVE

Attimi di sconcerto in studio. Ma sarebbe finita lì, probabilmente, se non fosse che a Jlaria il tracollo bianconero aveva intaccato, assieme all’umore, la lucidità. Il fatto di trovarsi in compagnia di un ex allenatore (Capello) e di un ex campione (Del Piero) della Real Casa le aveva forse dato imprudenti certezze; sta di fatto che dopo il rivelatore “Noi della Juve” la D’Amico si è avventurata in una rovinosa disamina della partita tutta tesa a sminuire la bravura dell’Atletico, col risultato di farsi radere al suolo da tutti i suoi ospiti, da Capello a Del Piero, da Pirlo a Condò.

LA D’AMICO DIFENDE LA JUVE GLI OSPITI LA DISTRUGGONO

La cosa brutta – ha detto Jlaria in un italiano un po’ così – è che a dispetto delle squadre spagnole, l’Atletico Madrid non gliene frega niente di giocare male, di giocare un brutto calcio”.

Nonostante Capello le avesse già detto che “Bonucci è stato appena sfiorato, si è buttato subito e questi sono i risultati ”mentre in Italia “se ti pressano e ti danno una spintarella, ti butti per terra e fischiano”.

La D’Amico invocava l’aiuto di Del Piero, ma Pinturicchio rispondeva che a dispetto di quel che gli dettava il cuore, dire che il gol fosse da annullare gli era impossibile.

[better-ads type=”banner” banner=”81550″ campaign=”none” count=”2″ columns=”1″ orderby=”rand” order=”ASC” align=”center” show-caption=”1″][/better-ads]

Jlaria a quel punto era alle corde. Ma lì accanto notava Pirlo: “Com’è giocare queste partite di Champions League, tu che hai giocato la finale con la Juventus?”, gli aveva chiesto; “Veramente le ho giocate anche col Milan”, le aveva risposto lui, che per delicatezza aveva evitato di ricordarle le due finali vinte in rossonero, una contro la Juve).

E Jlaria finiva al tappeto. Fra gli uccellini che cinguettavano.

Back to top button

Benvenuto su napolipiu.com

Consenti gli annunci sul nostro sito Sembra che tu stia utilizzando un blocco degli annunci. Ci basiamo sulla pubblicità per finanziare il nostro sito.