Eduardo De filippoPersonaggi napoletani

Tommasino, Rafiluccio e tutti gli altri conflitti paterni di Eduardo De Filippo

Tommasino, Rafiluccio  e tutti gli altri conflitti paterni di Eduardo De Filippo: ubbidienti oppure ribelli Domenico Soriano in «Filumena Marturano»: inadempiente e vulnerabile.

Di: Anna Marchitelli  CdM

Tommasino, Rafiluccio  e tutti gli altri

«Domani mattina devo uccidere mio padre». A pronunciare la nefasta sentenza – che potrebbe simbolicamente aprire l’infinito capitolo sulla figura del padre nella letteratura, drammaturgia e poesia – è Rafiluccio, uno dei personaggi della commedia «Il sindaco del rione Sanità» di Eduardo De Filippo che fa intervenire don Antonio Barracano, a sua volta padre-patriarca accentratore di un potere quasi illimitato nei confronti della famiglia e del rione, speranzoso di placare la rabbia di Rafiluccio e reiterare così lo sterotipo del figlio che ubbidisce alla volontà, anche se despotica, del padre.

Ma il drammaturgo capovolge il rapporto ancestrale di sottomissione e lascia agire la ragione contro ogni convenienza e convenzione. La centralità della figura paterna è misconosciuta in maniera eclatante in «Natale in casa Cupiello» attraverso il personaggio di Tommasino che negando l’importanza e la bellezza del presepe mette in crisi l’ideologia familiare paternalistica che Luca (il padre) porta avanti, invano, per salvare se stesso.

Conflitti paterni di Eduardo De Filippo

È dunque «un pater-familias fuori ruolo», direbbe la saggista Anna Barsotti, che ricorre ad atteggiamenti infantili promettendo regali al figlio in cambio di apprezzamenti sul presepe. E la paternità viene altrettanto svilita in «Filumena Marturano» a favore di una maternità che sa invece costruire il suo ideale di famiglia, mentre Domenico Soriano dinanzi al ruolo di padre è «inadempiente e vulnerabile», scrive il critico Maurizio Grande, e deve subire «l’incrinatura della sua onnipotenza».

 

 

Back to top button

Benvenuto su napolipiu.com

Consenti gli annunci sul nostro sito Sembra che tu stia utilizzando un blocco degli annunci. Ci basiamo sulla pubblicità per finanziare il nostro sito.