Telefonata De Laurentiis-Ancelotti: ecco cosa si sono detti

Ultimo aggiornamento:

Telefonata De Laurentiis-Ancelotti, va in scena nel ritiro di Castel Volturno. Secondo quanto scrive Repubblica il presidente ha rassicurato l’allenatore. 

Carlo Ancelotti continua a restare a rischio esonero, ma il presidente ha voluto telefonarlo per dargli carica e fiducia. Non arrivano segnali molto positivi dal gruppo che sta cercando di ritrovare la compattezza di un tempo.

Ritiro Castel Volturno

La telefonata di De Laurentiis ad Ancelotti è arrivata, secondo quanto rivela Repubblica, mercoledì sera durante il ritiro di Castel Volturno. Il telefono del tecnico è squillato con all’altro capo il presidente Aurelio De Laurentiis. Il patron del Napoli ha voluto conoscere l’umore della squadra, ma anche rassicurare il tecnico sulla permanenza sulla panchina azzurra. Le voci degli ultimi giorni su un possibile arrivo di un traghettatore, potevano destabilizzare ulteriormente un ambiente che non è sereno.

Nella telefonata De Laurentiis-Ancelotti il presidente ha confermato anche la sua stima verso il tecnico di Reggiolo, che sta continuando a guidare il gruppo in vista della sfida con l’Udinese e quella decisiva in Champions League con il Genk.
In ogni caso nel calcio contano i risultati e il “il Napoli è finito nel vortice della crisi dalla notte di Salisburgo: il 3- 2 in Champions alla Red Bull Arena del 23 ottobre poteva rappresentare una svolta positiva, ma ha creato un vortice negativo, da cui gli azzurri non riescono più ad uscire. Nelle ultime otto partite 6 pareggi e 2 sconfitte, un ruolino di marcia che mal si concilia con le ambizioni di vertice. Il quarto posto è diventato lontanissimo: il – 8 nei confronti di Cagliari e Roma è un fardello pesante e quindi la sterzata è necessaria. Carlo Ancelotti ha tentato pure la strada del ritiro per ottenere le risposte necessarie da un gruppo sfilacciato” scrive Repubblica. Da questo contesto tocca ad Ancelotti uscire, uno dei pochi che può avere l’esperienza e le spalle larghe per farlo, però servono decisioni forti da ogni punto di vista, altrimenti sarà veramente complicato risalire la china.