Salisburgo – Napoli, Ancelotti prepara l’undicesima formazione diversa. Incognita Fabian

Ancelotti salisburgo

Carlo Ancelotti vara l’undicesima formazione diversa per il Napoli.  A Salisburgo, per la sfida Champions ballottaggio tra Zielinski e Fabian.

A Salisburgo per la terza di Champions del Gruppo E, il Napoli scenderà in campo con l’undicesima formazione diversa.

Carlo Ancelotti continua con il turnover, scrive il Corriere dello Sport, ma questa volta le sue scelte saranno anche condizionate da situazioni contingenti che hanno prodotto una serie di esclusioni e un pizzico d’ansia.

ANCELOTTI EMERGENZA PER SALISBURGO

Ancelotti vara l’undicesima formazione diversa, e deve fare i conti con l’emergenza in difesa. Fuori causa Maksimovic e HysajMario Rui, non ancora al top dopo l‘infortunio  rimediato a Genk.

Caso Ghoulam a parte, anche Manolas non è al meglio, tant’è che ieri s’è limitato a lavorare in palestra.

Contro il miglior attacco del girone, il secondo dell’intera competizione (9 gol contro i 10 del Bayern), bisognerà insomma dare un calcio all’emergenza per confermarsi la miglior difesa del gruppo (zero gol subiti e blindati da tre partite di fila).

SALISBURGO-NAPOLI: I BALLOTTAGGI

Davanti a Meret agiranno Malcuit a destra; Manolas e Koulibaly al centro; e Di Lorenzo a sinistra come con il Verona.

A centrocampo, insieme con Callejon, Allan e Insigne è vivo il ballottaggio tra Zielinski e Fabian, reduce da tre partite giocate in una settimana tra Nazionale e Napoli.

Fermo restando il rientro di Mertens, davanti è in corso il testa a testa tra Lozano, perfettamente recuperato dopo l’infortunio contro  Panama, e Milik, in grande spolvero dopo la doppietta con il Verona che ha interrotto un digiuno azzurro durato quasi sei mesi.

Se alla fine Ancelotti per la formazione anti-Salisburgo opterà per il Chucky, non è escluso uno scambio di posizioni con Insigne: il primo a sinistra e il capitano in appoggio a Mertens. Come sabato in campionato.

 

 

Altre storie
Tifosi della juve di ritorno a Brindisi picchiati da napoletani