Tutto Napoli

Roberto Inglese alla Gazzetta: “Napoli sono pronto, ecco cosa mi ha detto Insigne”

Roberto Inglese alla Gazzetta dello sport ha parlato del suo arrivo al Napoli, le parole di Insigne e il 4-3-3.

VERONA. Roberto Inglese attaccante del Chievo prossimo a vestire l’azzurro , ha parlato alla gazzetta dello sport. Ecco quanto evidenziato.

Inglese alla Gazzetta: “Napoli …”

Napoli? Il mio Napoli è cominciato correndo alle sette di sera in sede al Chievo: il mercato chiudeva alle undici, bisognava fare in fretta e in fretta, poi ho anche resettato. Sono stato bravo, dal giorno dopo non ci ho più pensato, tantomeno ai 12 milioni: solo lavoro a mille all’ora, come a Carpi, e credo che Giuntoli un po’ abbia scommesso anche su quello. Ricomincerò a pensarci se ci andrò: ora di scritto c’è solo il prestito al Chievo fino a giugno, nessun riferimento a gennaio.

Le parole di Insigne

“La gente la fa facile, quando mi dice : ” Nel Napoli ti mettono la palla sui piedi, vedrai”. Ma lì devi saperti allenare con loro, e quando in Nazionale l’ho fatto con Insigne ho capito un po’ di cose. Lorenzo mi ha raccontato un po i metodi di Sarri e lo spogliatoio, ho capito che lì devi essere un’orchestra, se stoni tu stona tutta la musica: stop e passaggio lo fanno in undici allo stesso modo per questo ti rubano il tempo. Per questo oggi per vedere quel calcio accendi la tv se ci sono Napoli e Manchester City. Ci saprò stare? Devo trovarmici, non lo so. Pronto per provarci e poi prenderò atto: comunque, con orgoglio e serenità”

Inglese con il Napoli in Champions League?

“Prima di studiarla, quella musichetta l’avevo ascoltata un milione di volte: è più forte di me, la sento e alzo il volume della tv, canticchio anche. Una sera l’ho fato che c’era anche Elena la mia fidanzata che mi disse: “Cosa sai di questa musica?”. Niente, ovviamente. Adesso tutto: inno composto da Tony Britten, testo in inglese, francese e tedesco, controcanto nella lingua dove si gioca la finale. Sentirla in campo deve essere da brividi. Al San Paolo? Tremano i quartieri vicini no? Diciamo che la prossima settimana tiferò molto Napoli. E Manchester City”

Il ruolo nel 4-3-3 di Sarri: faresti l’esterno d’attacco?

“Il 4-3-3 e il ruolo di esterno d’attacco? E’ vero che quando arrivai al Chievo dalla B i possessi palla mi sembravano a velocità impossibili e poi mi sono abituato in fretta, però mi pare dura mettermi vicino alla riga; è per gente con una tecnica fuori dal comune. Voglio comunque mettermi in gioco: sono pronto”.

Back to top button

Benvenuto su napolipiu.com

Consenti gli annunci sul nostro sito Sembra che tu stia utilizzando un blocco degli annunci. Ci basiamo sulla pubblicità per finanziare il nostro sito.