Rassegna Stampa

Repubblica – Champagne e ciabatte: così Insigne ha firmato col Toronto

Il quotidiano racconta i dettagli della firma del capitano del Napoli

Lorenzo Insigne ha firmato con il Toronto durante un incontro all’Hotel St. Regis di Roma, di sera la cena con i dirigenti canadesi. Oramai Insigne è un calciatore del Toronto, la firma è arrivata ed anche le critiche non sono state risparmiate. Il fatto che Insigne abbia firmato a poche ore da Juve-Napoli ha scatenato i tifosi sui social. Il giocatore a fine giugno si trasferirà in Canada per giocare in Mls, ma secondo Repubblica c’è un piano del Napoli per cedere Insigne a gennaio.

Insigne all’Hotel St. Regis

Intanto il quotidiano pubblica anche i dettagli della giornata romana di Insigne, impegnato con i dirigenti del Toronto.

“Una firma in ciabatte. In un hotel romano Lorenzo Insigne ha detto sì a Toronto, firmando il contratto più importante della carriera, almeno dal punto di vista economico: dal 1° luglio guadagnerà 11,5 milioni a stagione, più 4 di bonus (tutti ordi) e un milione e mezzo alla firma. Avvenuta ieri, nella stanza 315 dell’hotel St. Regis, curiosamente uno dei feudi di De Laurentiis nella capitale. Ad accompagnare l’accordo un brindisi a champagne Cristal, servito dal bar dell’albergo. Accompagnavano Insigne la moglie Jenny Darone, papà Carmine, il procuratore Pisacane e l’intermediario Andrea D’Amico. C’era anche una società di comunicazione ingaggiata dal club canadese che ha filmato il pomeriggio trascorso nella hall per preparare il video del benvenuto in Canada. Al tavolo – in tutto una decina di persone – Insigne ha sorseggiato acqua frizzante, indossando per comodità le ciabattine di spugna dell’hotel che si è fatto portare da uno dei camerieri della struttura, prima di un colloquio al telefono in viva voce con la dirigenza della sua nuova squadra: qualche «Yeah» di rito e un timido saluto”.

Back to top button

Benvenuto su napolipiu.com

Consenti gli annunci sul nostro sito Sembra che tu stia utilizzando un blocco degli annunci. Ci basiamo sulla pubblicità per finanziare il nostro sito.