Le Interviste

Polverosi: “Costruzione da dietro, perché farla se hai Maksimovic?”

Alberto Polverosi giornalista del Corriere dello Sport è intervenuto ai microfoni di Radio Punto Nuovo nel programma di Chiariello.

Costruire da dietro sembra diventato un dogma in Serie A, anche se non si hanno i calciatori giusti per farlo. Proprio su questo argomento è intervenuto Alberto Polverosi, firma del Corriere dello Sport che ha scritto un pezzo intitolato ‘La distruzione da dietro’. Il concetto, espresso a Radio Punto Nuovo, è semplice: la costruzione da dietro va benissimo, ma servono i giocatori adatti per poterla mettere in pratica.

Io credo che nel calcio come nella vita, l’aspetto fondamentale sia l’equilibrio per cui se io ho la possibilità di cominciare l’azione da dietro in quel momento, va benissimo, perché no! Molti parlando di Pirlo e del suo passaggio da trequartista a regista. Prima di Pirlo, toccò a Pizarro con Spalletti che gli cambiò ruolo. Se chi fa partire l’azione sono Pirlo, Pizarro, Xavi ha senso, ma se a far ripartire l’azione è un portiere bravo come Ospina, come Reina o un difensore come Maksimovic, ma perché?! Anche se fai giocare Maksimovic o Skriniar, non possono avere mai la sensibilità per far partire bene l’azione. Anche Demme non andrebbe bene. Quando devi uscire da fuori ci vuole la certezza, non la possibilità di far bene. Se mi rubano la palla lì io sono morto. Ci sono situazioni di gioco è consigliabile ed è giusto ripartire dal basso.

Quando vedo giocare l’Inter a me non piace. È ovvio, però, che se ho Lukaku, la devo dare a lui alta quella palla, perché arrivo prima. Ranieri, invece, dopo aver fatto bene a Firenze, va a Valencia e trova una squadra che fa il palleggio del calcio spagnolo. Riunisce la squadra e dice: “facciamo una scommessa voi dite che per arrivare in zona gol servono 30 passaggi, se io vi dico che potete arrivare prima in area di rigore mi seguite?” “Sì” quella squadra vinse la Copa del Rey. Con Xavi e Iniesta ha senso quel tipo di gioco, ma se ci sono altri giocatori no. Il calcio deve essere completo, non una linea e basta per come la vedo io. Io ho scritto che ci sono situazioni in cui a me sembra una moda, il beneficio è tutto da verificare. L’aspetto negativo lo vedi subito. Alisson ha preso due gol, perché devi passare quella palla con l’area piena di giocatori del City! L’allenatore te lo chiede, ma se sei nell’incertezza tirala via questa palla, se no io capisco il calcio spettacolo, ma devi farlo per la tua squadra

Back to top button

Benvenuto su napolipiu.com

Consenti gli annunci sul nostro sito Sembra che tu stia utilizzando un blocco degli annunci. Ci basiamo sulla pubblicità per finanziare il nostro sito.