napolipiu.com
Calcio Napoli e cultura Napoletana: Ecco il sito che parla la tua lingua

Napoli, gestione del San Paolo vergognosa: ADL lasci un segno non solo plusvalenze

Il mercato del Napoli, lascia il campo alla vergognosa gestione del San Paolo. De Laurentiis  deve lasciare il segno e non solo grandi plusvalenze.  

NAPOLI –  Il mercato del Napoli e il caos sul San Paolo sono stati oggetto di un focus dedicato da calciomercato.com alla società di De Laurentiis:

IL MERCATO DEL NAPOLI

Parlare del mercato del Napoli sta diventando operazione stucchevole, soprattutto perché terzino destro e terzo portiere non cambieranno l’inerzia della stagione, non muteranno la sostanza di una rosa che resterà all’abilità di Ancelotti provare a far superare il limite intrinseco, così come già fatto da Sarri. Operazione complicata, però, dalla necessità di ben figurare anche nelle Coppe, di provare anche in Europa a superare il limite di un roster forte, tecnicamente e tatticamente, ma troppo poco abituato a vincere, come già visto nella scorsa stagione. Insomma, non è sul mercato che dovrà vedersi l’effetto Ancelotti, ma sul campo.

Napoli, gestione del San Paolo vergognosa: ADL lasci un segno non solo plusvalenze

GESTIONE DEL SAN PAOLO VERGOGNOSA

La domanda da porsi è: su quale campo? Perché quello del Napoli, lo stadio San Paolo, in questo momento è in condizioni pietose, rese tali dalla scelta di iniziare i lavori per le Universiadi, anteponendo la manifestazione che si terrà nella seconda metà del 2019 alle esigenze del Napoli. Nel vedere il manto di gioco condizionato dai lavori alla pista d’atletica, De Laurentiis è sbottato: “Vergognoso” ha urlato a più riprese, uscendo inferocito dall’impianto di Fuorigrotta, senza firmare la convenzione che prevederebbe un versamento di 600mila euro circa per la stagione 2015/2016 come concordato con il Comune. Un modo per ottenere uno sconto, si vocifera da ambienti istituzionali. Da queste colonne, non abbiamo mai mostrato particolare tenerezza nei confronti di un patron che ha parlato troppo in questa estate e fatto, finora, poco: non ha neppure completato la rosa. In questa vicenda, però, De Laurentiis ha ragione da vendere: nulla contro le Universiadi, ma un Napoli-Real Madrid o un Napoli-Chelsea non può esser “sporcata” dal materiale di scarto delle lavorazioni della pista d’atletica a bordo campo. È come se ci presentassimo in pantofole all’appuntamento che sogniamo da una vita.

DE LAURENTIIS , BASTA BUROCRAZIA

Aspettare che cambi colore dell’amministrazione comunale è la strada per evitare questi problemi. Così, deve aver pensato De Laurentiis: ma, non è così. Perché basta un consigliere comunale (e ci sarà sempre chi non si vedrà garantito il suo interesse) che solleverà un cavillo alla Corte dei Conti che poi passerà al TAR che poi andrà al Consiglio di Stato. Per evitare questa fiera dell’est di branduardiana memoria in salsa burocratica, la strada è quella già seguita in altre realtà: trovare un’area, comprarla, costruirci lo stadio. Anche perché, dopo aver preso il Bari, è arrivato il momento di lasciare un segno. Per evitare che una grande gestione come quella De Laurentiis venga solo ricordata come quella delle grandi plusvalenze.

CONSIGLIATI PER TE

Napolipiu.com rispetta la tua privacy. Noi e i nostri partner utilizziamo, sul nostro sito, tecnologie come i cookie per personalizzare contenuti e annunci, fornire funzionalità per social media e analizzare il nostro traffico. Facendo clic di seguito si acconsente all'utilizzo di questa tecnologia. Puoi cambiare idea e modificare le tue scelte sul consenso in qualsiasi momento ritornando su questo sito. Accetto Leggi di più