Rassegna StampaSocial

“MaraMertens”, fa impazzire tutti: il web si scatena dopo la prodezza all’Olimpico

Maramertens. Dries raffigurato coi ricci alla Maradona. Il web si scatena così dopo la prodezza del belga contro la Lazio.


“MaraMertens”, fa impazzire tutti: il web si scatena dopo la prodezza all’Olimpico. Un gran gol, un eurogol, una perla, un gesto straordinario. E sono tante altre le definizioni per descrivere la rete di Dries Mertens contro la Lazio. Talmente incredibile da aver eclissato la vittoria del Napoli, la quinta in campionato su cinque a disposizione. Non si parla d’altro, in città e sui social. Circolano fotomontaggi simpatici, “Ciro” – come lo chiamano i tifosi napoletani – coi ricci alla Diego oppure ancora lui mentre esulta fingendo di sorseggiare qualcosa: vino, birra o cos’altro?

MARAMERTENS
Sono tutti pazzi per il campione belga e per una prodezza che, in parte, ha ricordato quella del 1985 di Maradona, proprio contro la Lazio, ma stavolta al San Paolo. Mertens l’ha descritta così: «Ho visto la palla che era rimasta lì e ci ho provato, sono contento per la vittoria e il risultato. Ad un certo punto mi sono girato, ho visto il portiere avviarsi lentamente tra i pali ed allora ho pensato di provarci. È andata bene. Maradona? Magari il suo era più difficile…». Probabilmente non lo avrà pensato sul serio, però è giusto liberarsi da paragoni scomodi e godersi il suo presente, senza infilarsi nel tunnel del passato. Eppure sui social network tutti si sono scatenati, chiamandolo “Dries Armando Mertens”, oppure “MaraMertens” o ancora “MaraDries”, insomma unendo due ere diverse in un unico istante. La verità è che Mertens è Mertens ed è un ragazzo unico nel suo genere, semplice e spontaneo, simpatico e divertente. Ed è un attaccante che prima faceva l’esterno, ed anche bene, ed ora è diventato insostituibile come centravanti.

MERTENS UNICO

Lo sa bene anche Sarri che, come il belga, scansa paragoni scomodi: «Maradona è sopra tutto, quindi non lo paragonerei mai a nessuno. Dries sta continuando a crescere e in questo ruolo è diventato un fuoriclasse assoluto. È stata un’emozione vedere il suo gol, mi sono reso conto una frazione di secondo prima che ci avrebbe provato. Solo pensarlo è da fuoriclasse». Ed è una rete, la sua, che ha emozionato tutti: tifosi, curiosi e probabilmente anche avversari. Di sicuro ha fatto esplodere d’emozione anche i telecronisti che l’hanno commentata in diretta e dal vivo.

Riccardo Trevisani di Sky Sport l’ha descritta così: «La porta è vuota, Mertens ci può pensare, ci pensa, la fa partire e segna l’ennesimo capolavoro assoluto. Dries Mertens atterra all’Olimpico con la navicella spaziale: un alieno assoluto». Urla di stupore e incredulità anche per Massimo Callegari di Premium Sport: «Scatto in verticale per Mertens: visto, servito e anticipato. Ma la palla è ancora giocabile per il belga che va in porta, addirittura, e trova un gran gol formidabile». Il resto è coperto dal silenzio, perché c’è voluto qualche secondo prima di riprendersi, rendendosi conto che quel dipinto d’autore era reale, a pochi passi da sé. L’autore? Dries Mertens. E basta.

Back to top button

Benvenuto su napolipiu.com

Consenti gli annunci sul nostro sito Sembra che tu stia utilizzando un blocco degli annunci. Ci basiamo sulla pubblicità per finanziare il nostro sito.