Calcio NapoliTutto Napoli

Maradona è stato ucciso: Luque, lo psichiatra e altri cinque imputati processati per omicidio

Morte di Maradona, svolta nelle indagini, il medico del Pibe, Luque e altre sei persone accusate dai giudici di omicidio volontario.

Maradona è stato ucciso. Per la morte di Diego Maradona: Il medico personale del Pibe, Luque, lo psichiatra e altri cinque persone saranno processate per omicidio. I giudici li accusano del reato di omicidio, che prevede una pena compresa tra gli otto e i 25 anni di reclusione.

Secondo quanto riporta il quotidiano argentino LA NACION Leopoldo Luque, lo psichiatra Agustina Cosachov, lo psicologo Carlos Díaz e altri quattro imputati sono stati ufficialmente accusati dell’omicidio di Diego Armando Maradona, rischiano fino a 25 anni di reclusione. La squadra speciale di procuratori incaricati delle indagini per chiarire le circostanze della morte di Maradona, avvenuta il 25 novembre, ha chiesto al giudice di garanzia Orlando Díaz il divieto di lasciare il paese per i sette imputati.

DIEGO ARMANDO MARADONA È STATO UCCISO

Comincerò il 31 di questo mese il processo a Luque, Cosachov, Díaz, l’infermiera Dahiana Gisela Madrid, l’infermiera Ricardo Almirón, la dottoressa coordinatrice Nancy Forlini e il coordinatore degli infermieri, Mariano Perroni.

Leopoldo Luque è accusato del reato di utilizzo di un falso documento privato. Questa accusa è dovuta al fatto che la firma di Maradona è stata falsificata per richiedere una copia della sua storia medica all’ospedale dove è stato operato lo scorso novembre per un ematoma subdurale alla testa.

Da parte sua, Cosachov è stato anche accusato di falso ideologico perché ha firmato un certificato in cui accreditava che il suo paziente era “attento, orientato nella persona, nel tempo e nello spazio”. L’informazione è stata incorporata nella sua cartella clinica, ma ora i pubblici ministeri incaricati del caso hanno scoperto che il medico non aveva mai visitato l’allora allenatore del GimnasiaLa Plata.

L’indagine sulle circostanze della morte di Maradona è condotta da una squadra coordinata dal procuratore generale di San Isidro, John Broyad, e composta dai suoi due vice, Cosme Iribarren e Patricio Ferrari, e dal procuratore di Benavídez Laura Capra“.

Leopoldo Luque

MARADONA POTEVA ESSERE SALVATO

Diego Armando Maradona è morto il 25 novembre nel quartiere privato di San Andrés, dove gli avevano affittato una casa. Era arrivato in quell’edificio l’11 di quel mese, dopo essere stato operato per l’ematoma subdurale.

All’inizio di questo mese era noto il rapporto della commissione medica convocata dalla Procura della Repubblica per analizzare se la morte di Diego Maradona poteva essere evitata. Il documento sosteneva che le azioni del gruppo di sanitari che si prendeva cura della stella del calcio mondiale erano inadeguate, carenti e spericolate.

Il verbale, lapidario, si chiudeva con 13 conclusioni, tra le quali si sosteneva che “Le azioni dell’équipe sanitaria incaricata di curare Maradona erano inadeguate, carenti e spericolate.

Maradona ha iniziato a morire almeno 12 ore prima delle 12.30 del 25/11 / 2020, vale a dire che ha presentato segni inequivocabili di un periodo agonizzante prolungato, quindi concludiamo che il paziente non è stato adeguatamente controllato dalle 00:30 del 25/11/2020 .

I periti hanno anche affermato che “i segni di rischio vita presentati dal paziente sono stati ignorati”, che “l’assistenza infermieristica durante la permanenza nella casa di Tigre, dopo aver lasciato la clinica Olivos, era carente e piena di irregolarità”, e che “lo stato di salute del paziente è stata lasciata totalmente trascurata “.

Back to top button

Benvenuto su napolipiu.com

Consenti gli annunci sul nostro sito Sembra che tu stia utilizzando un blocco degli annunci. Ci basiamo sulla pubblicità per finanziare il nostro sito.