napolipiu.com
Calcio Napoli e cultura Napoletana: Ecco il sito che parla la tua lingua

Lazio, Lotito chiama l’esorcista a Formello invocando la protezione divina

La scaramanzia nel calcio...

Lotito porta l’esorcista a Formello contro i troppi infortuni subiti dalla Lazio in questa stagione. Altra scaramanzia nel calcio.

LA SCARAMANZIA NEL CALCIO

Lazio, Lotito chiama l’esorcista a Formello contro i troppi infortuni accorsi in casa Lazio dall’inizio della stagione. La scaramanzia nel calcio esiste da sempre, in molti ricorderanno Il compiano presidente del Pisa, Romeo Anconetani e l’abituale gesto scaramantico di spargere sale, prima della partita.

Oppure Bruno Pesaola, visto anche sulla panchina della Fiorentina e del Napoli tra gli anni ’60 e gli anni 80’, doveva ascoltare il suo disco portafortuna prima di ogni partita.

Un giorno, prima di una trasferta, percorse 500 km per andare a recuperarlo, salvo scoprire che la squadra era partita senza di lui.

Restando a Napoli, un retroscena carino lo racconta l’ex Jorginho a proposito di Sarri suo allenatore prima al Napoli ed ora al Chelsea: “Si rifiuta di toccare il pallone quando esce dal campo per una rimessa laterale: non c’è nulla da fare, non vuole neppure sfiorarlo, non ce lo restituisce mai”. Ma perché lo fa? “Forse perché non gli piace che il pallone esca, a essere pignoli nel suo calcio questo non dovrebbe proprio succedere”.

Sono tante, troppe le scaramanzie nel calcio ma Lotito batte tutti.

Lotito porta l'esorcista a Formello contro i troppi infortuni subiti dalla Lazio in questa stagione. Altra scaramanzia nel calcio.
Romeo Anconetani, sparge il sale prima di una gara del Pisa.

ESORCISTA A FORMELLO

Secondo il presidente dei capitolini, la Lazio avrebbe meritato altri risultati, alla sfortuna in campo si sono aggiunti i troppi infortuni. Ecco l’idea di Lotito: non sapendo più a quale santo votarsi, è rimasta la fede. E anche la voglia di allontanare gli influssi negativi.

La sfiga per dirla molto più efficacemente. Così ha convocato un prete di sua fiducia e lo ha portato all’interno dello spogliatoio prima che cominciasse l’allenamento, fissato per le 15. L’aspersorio e l’acqua santa. Una benedizione in piena regola, come alla messa.

Il segno della croce con tre dita. Una formula rituale con cui il sacerdote (o ministro di Dio) invoca la protezione divina e la grazia su persone o cose.

I giocatori si stavano preparando per l’allenamento. La missione di Lotito a Formello aveva questo obiettivo.

Non è la prima volta nella gestione Lotito. Era successo nell’autunno 2013, quando Petkovic allenava la Lazio, e ancora prima in passato, tra il 2009 e il 2010.

 

CONSIGLIATI PER TE