TUTTE LE NOTIZIE SUL CALCIO NAPOLI

VIDEO- Fiorentina, Callejon: “Amo Napoli e sempre la amerò. Ecco la verità sull’addio”

Callejon fiorentina Napoli

Josè Callejon durante la conferenza stampa alla Fiorentina ha parlato del Napoli e della sua esperienza in azzurro.

Josè Callejon, in conferenza stampa si presenta alla Fiorentina. Lo spagnolo parla della sua nuova esperienza ma non dimentica Napoli e lancia messaggi d’amore.

Sono pronto a dare tanto, vengo con la voglia di fare bene, mi metto a disposizione della società e dei miei compagni. Mi piace molto lavorare, dare sempre il massimo.

Ho 33 anni, conosco il calcio italiano e mi sto allenando molto bene e forte, per poter cominciare a giocare il prima possibile.

Sono un giocatore di esperienza, voglio aiutare i giovani a lavorare bene e questa società a crescere ancora. Possiamo fare molto bene quest’anno e divertirci”.

IL RUOLO

Io sono completamente a disposizione del mister, quello che mi dirà di fare lo farò. Non ho mai giocato in questo modulo, ma se dovrò fare il quinto lo farò, così come la prima o la seconda punta. Qua in Italia i giocatori esperti danno una grossa mano. Speriamo di fare tanti gol.

A Napoli ho vissuto tantissimi anni e segnato tanti gol, arrivo qui con la stessa voglia di aiutare la squadra, dare assist e se possibile fare gol”.

CALLEJON, DICHIARAZIONE D’AMORE AL NAPOLI E IL LOCKDOWN

Josè Callejon parla di Napoli: “Ho passato sette anni meravigliosi e amerò Napoli per sempre, ma ero arrivato al punto in cui dovevo interrompere questa lunga tappa.

È stato difficile e ci ho pensato tanto: durante il lockdown ho deciso che il mio ciclo lì era finito”.

RIBERY

Ho fatto due chiacchiere con Ribery, sicuramente ci divertiremo, faremo tanti gol insieme. Offerte? Avevo tante offerte, è vero, ma la Fiorentina è quella che mi piaceva di più. Ho parlato sia con il mister che con il direttore sportivo e mi hanno convinto. Per me era importante restare in Italia, e a Firenze sicuramente staremo da Dio”.

PARAGONE CALLEJON-CHIESA

Chiesa? Non mi piace essere l’erede di nessuno, sono un altro giocatore. Sono qui per fare il mio lavoro e dare il massimo. Voglio trasmettere la voglia di vincere, stare sul pezzo e non mollare mai.

Io da solo non posso fare molto, ma con l’aiuto di tutti possiamo fare molto bene. Mi sono trovato bene con tutti, da Benitez a Gattuso. Non ho mai avuto problemi, tutti mi hanno aiutato ad essere il miglior calciatore.

L’unica cosa che mi manca è vincere lo scudetto in Italia, con il Napoli ci siamo andati vicino. Non mi piace però parlare di obbiettivi, ma ho tanta voglia di fare bene.

Mischiare giovani e giocatori maturi può uscire qualcosa di molto buono. Abbiamo tanti giovani forti, conosco il calcio italiano e li conoscevo già da prima.

Castrovilli può diventare un top player, ma con i giovani bisogna stare attenti, non vogliamo bruciare i nostri giovani. Se lavoreranno bene sarà una cosa in più per tutti noi.

Come sto? Le sensazioni che ho sono molto buone, ho lavorato molto bene e in questa settimana sono ripartito forte. Sto un passo indietro ai miei compagni perché hanno già giocato tre partite, ma voglio arrivare al meglio domenica, poi deciderà il mister”.

NAPOLI SU GOOGLE NEWS

Su Google news tutte le notizie su Napoli, la squadra, la città e la sua storia. Segui ora

Archivi