Varie-Calcio

Alluvioni a Catania, appello di Lo Monaco: “Situazione drammatica, il calcio deve aiutare”

Il dirigente sportivo parla ai microfoni di Radio Punto Nuovo

Le alluvioni a Catania hanno messo in ginocchio la città, arriva l’appello del dirigente Pietro Lo Monaco che chiede aiuto al calcio. “Catania è una città in ginocchio, una situazione drammatica. I miei collaboratori mi hanno detto che quando l’acqua ha iniziato a defluire, si parlava di una città fantasma, con danni incalcolabili. C’è una continua allerta da parte delle autorità preposte che si preannuncia anche per domani e dopodomani con giornate critiche. Il calcio può e deve aiutare Catania, spero che le leghe aiutino la città. Anche soprattutto perché pare che non sia finita così, Catania ha bisogno di supporto del governo e se il calcio, come ha sempre fatto, vuol muoversi sarà sicuramente ben accetto“.

Con Lo Monaco si parla anche di calcio e della corsa scudetto che coinvolge Napoli e Milan. Spalletti sfida il Bologna, mentre i rossoneri hanno già vinto contro il Torino: “C’è un tentativo di fuga da parte del Milan, mette il pepe al Napoli, costringerà il Napoli a cercare di piazzare l’ennesima vittoria. E se le altre dovessero cedere il passo, allora si potrebbe già parlare di un primo tentativo di fuga. Il Milan ha dato ieri un segnale di forza. Mourinho? Avevo già previsto che sarebbe stato un problema per la Roma, non mi sorprendono alcuni risultati“.

In chiusura Lo Monaco parla dell’indagine Covisoc per le plusvalenze: “Lo fanno tutti, ogni tanto si rialza la testa dalla sabbia come gli struzzi. Tutte le società o quasi usano questi strumenti. Il regolamento parla chiaro, a livello civilistico, penale e sportivo: le società dovrebbero essere punite. In troppe hanno usato questi strumenti per aggiustare i bilanci. Maggiore vigilanza serve. Ma, quando è uno strumento veritiero, come nel caso delle plusvalenze dell’Atalanta“.

Back to top button

Benvenuto su napolipiu.com

Consenti gli annunci sul nostro sito Sembra che tu stia utilizzando un blocco degli annunci. Ci basiamo sulla pubblicità per finanziare il nostro sito.