Calcio NapoliSerie A

Ziliani: Serie A, paradiso dei simulatori. Lo strano caso di Gasperini e Federico Chiesa

Paolo Ziliani avvisa: “in Serie A molti simulatori. Il giornalista accusa gli arbitri e cita il caso di Gasperini e Federico Chiesa.

Palo Ziliani sulle pagine de il Fatto Quotidiani lancia l’allarme “simulatori” in serie A. Il giornalista accusa gli Arbitri di non utilizzare  il Var e di “perdonare” troppo facilmente alcuni giocatori scorretti. Ecco uno stralcio:

La Serie A ha un grosso problema: i simulatori. O tuffatori. I giocatori cioè che fingono di essere stati sgambettati, o trattenuti, o spintonati in area, stramazzano a terra e inducono gli arbitri a fischiare un calcio di rigore. Che non c’è e che potrebbe essere cancellato, oggi, dall’intervento del Var: ma spesso non succede perché il desiderio di “vedere” il rigore cova e serpeggia innanzitutto nell’animo dell’uomo col fischietto. “Siamo il Paese che ha partorito lo scandalo di Calciopoli: pensare di esserne fuori, a 15 anni di distanza, è da ingenui”.

FEDERICO CHIESA COME TANIA CAGNOTTO

Gian Piero Gasperini, allenatore dell’Atalanta afferma_ “Quello di oggi è una cosa inconcepibile, nell’era moderna; forse è un rigorino dei tempi andati, con meno telecamere, con meno Var e con meno possibilità di valutare, quando te ne tornavi a casa con le pive nel sacco.

E invece per fortuna i tempi sono cambiati e quindi è molto più difficile accettare una situazione. Questa è chiaramente una simulazione dove Chiesa, che è un ottimo giocatore, ha l’abitudine di fare questi gesti e deve cominciare a pagarli anziché essere premiato. Altrimenti diventa qualcosa di diseducativo e ne siamo dispiaciuti tutti. Però quello è un episodio talmente netto e talmente lampante che chi vede e chi conosce un po’ di calcio non avrebbe sbagliato a valutarlo”.

GASPERINI INCOERENTE

“Non sono le parole che Gasperini ha pronunciato mercoledì sera dopo Juventus-Atalanta 1-1, partita finita in pareggio a dispetto del grottesco calcio di rigore decretato dall’arbitro Doveri per una indecorosa simulazione di Federico Chiesa (tiro che CR7 si è fatto poi parare da Gollini).

Beh, no. La dichiarazione risale al 28 febbraio 2019, al termine di Fiorentina-Atalanta 2-0, e già questo la dice lunga su molti aspetti; a cominciare dal fatto che Chiesa non solo non è mai stato punito (in Premier League, dal 2017-2018, chi simula viene squalificato per 2 giornate e le ammonizioni o le espulsioni inflitte all’avversario vengono cancellate), ma continua indisturbato a esibire i suoi comportamenti sleali che né arbitro né Var sembrano voler impedire; per finire al fatto che, giocando ora Chiesa nella Juventus, persino il recidivo (in danneggiamenti) Gasperini preferisce rimanere zitto a fine match. Prendersela con la Fiorentina è un conto, attaccare la Juve un altro“.

SERIE A POCO CREDIBILE

Non c’è naturalmente solo Federico Chiesa a ciurlare nel manico con i suoi tuffi carpiati degni del miglior Klaus Di Biasi. Il discorso è generale e sarebbe ora che il calcio italiano mostrasse un po’ di fermezza e sanzionasse duramente i simulatori.

  • Iliev del Messina nel 2005, 3 giornate;
  • Adriano dell’Inter nel 2007, 2 giornate;
  • Krasic della Juventus nel 2010, 2 giornate;
  • Due giornate vennero inflitte anche a Zalayeta del Napoli, poi revocate perché la prova-tv dimostrò la trattenuta patita da Legrottaglie della Juventus.

Intanto il calcio italiano perde ogni giorno quel poco che resta della sua credibilità. Ormai quasi azzerata.

Back to top button

Benvenuto su napolipiu.com

Consenti gli annunci sul nostro sito Sembra che tu stia utilizzando un blocco degli annunci. Ci basiamo sulla pubblicità per finanziare il nostro sito.