Troppa Francia per l’Italia. A Nizza finisce 3-1. Lunedì ci sarà l’Olanda

A Nizza finisce 3-1 per la Francia. Seconda amichevole per l’Italia, nell’inedito ruolo di sparring partner. I transalpini non sono l’Arabia Saudita, questo è chiaro, e gli azzurri sono appena alla seconda amichevole del ciclo manciniano.

Prove tecniche come si suol dire. Male Mandragora, al di là del rigore che ha causato, anche se c’è da dire che di fronte aveva mostri sacri come Pogba, Kantè e Tolisso. Gara mediocre per Berardi. Fuori condizione D’Ambrosio. Bene invece Balotelli, che ha propiziato da calcio piazzato, il gol di Bonucci. Buona anche la prova di Jorginho e Sirigu, protagonista di grandi interventi sugli attaccanti francesi. Positiva anche la gara di Federico Chiesa, leader giovanissimo di questa nazionale.

All’Allianz Riviera finisce 3-1. E’ Umtiti che apre le danze all’ottavo del primo tempo. Al 29 esimo Griezmann raddoppia dal dischetto. Cinque minuti più tardi pareggia Leonardo Bonucci. Nella ripresa, al 63 esimo, è Dembele che chiude la pratica.

“Dispiace perdere. Loro sono stati superiori a tutto, ma ho visto personalità. Tra un anno saremo al loro livello, cresceremo”. Queste le parole di Roberto Mancini al termine della gara.

Lunedì 4 Giugno, a Torino ci sarà il terzo e ultimo impegno per l’Italia contro un’altra grande assente della spedizione in Russia: l’Olanda che giovedì a Trnava ha pareggiato 1-1 contro la Slovacchia, con reti di Nemec per la Slovacchia su splendido assist di Hamsik, e pareggio ad opera dell’attaccante dello Spartak Mosca Quincy Promes.