Calcio NapoliLe Interviste

Tacconi: “Napoli-Juventus, non sono preoccupato. Dissi a Maradona una frase: Accadde di tutto”

Stefano Tacconi parla di Napoli-Juventus, l’ex portiere ricorda le battaglie con Maradona e i botta e risposta sui giornali.

Napoli-Juventus è la partita di Stefano Tacconi, la punizione di Maradona a pochi metri dalla porta è diventata iconica ed evoca grandi ricordi  in tutti gli sportivi ed appassionati di calcio. Napoli-Juve negli anni ottanta era essenzialmente Maradona, platini, Tacconi e Carnevale.

Stefano Tacconi ai microfoni di Radio Marte parla di Napoli-Juventus e ricorda le battaglie con Maradona:

TACCONI SU NAPOLI-JUVENTUS

“Napoli-Juventus sottotono? Non direi, la Juve peraltro deve stare attenta anche se Allegri ci ha abituato a queste partenze, anni fa vinse il campionato dopo esser stato a -15. Non bisogna mai darsi per persi, poi il campionato andrà avanti e dopo Natale vedremo come sarà la situazione. La partita di domani è imprevedibile, ovviamente il Napoli è avvantaggiato perché gioca in casa”.

NAPOLI-JUVENTUS, TACCONI: CHE  BATTAGLIE CON MARADONA

“Maradona? Abbiamo fatto tante battaglie, gliene ho dette anche troppe. Una volta gli dissi tramite giornali che non si doveva sentire Dio e lì mi sono beccato un po’ di offese quando sono arrivato ma era il mio modo di caricarmi. Io dovevo venire a Napoli per 2 volte, la prima dopo l’Avellino e poi l’altra quando ero fuori dalla Juventus, Moggi mi chiamava spesso offrendomi pure il doppio dell’ingaggio. Ma io sono testone: sono rimasto, ho continuato a giocare e ho vinto”.

punizione Maradona Tacconi
La punizione di Maradona a Tacconi

TACCONI PARLA DELLA QUESTIONE PORTIERI

Tacconi si sofferma sui portieri e le alternanze, Napoli-Juventus vedrà di fronte Ospina e Szczesny.

“Ospina può avere problemi? Io meno mi allenavo e meglio andavo, tanto il portiere non deve correre. Io stavo talmente tanto fuori dal gioco che non me ne fregava niente, ho cominciato alla fine a giocare un po’ con i piedi ma il calcio di oggi è molto diverso. Il portiere deve solo pensare agli affari suoi.

Gerarchia o alternanza dei portieri? Con me non giocava nessuno, solo io, anche le amichevoli. Oggi il calcio è diverso, ci sono 3-4 portieri che non vanno sottovalutati per quanto riguarda lo spogliatoio. L’allenatore dev’essere bravo a fare spogliatoio e cercare di non rovinarlo.

Ospina o Meret? Io punto sempre sui giovani, Meret è un buon portiere ed è giusto che abbia la possibilità di emergere e farsi vedere. Ospina ha esperienza ed è un buon portiere, l’allenatore ha mani buone sotto questo punto.

Szczesny? Un portiere psicologicamente va a seconda di come va la squadra, se la squadra non gira non gira nemmeno il portiere”.

LEGGI ALTRO

 

Back to top button

Benvenuto su napolipiu.com

Consenti gli annunci sul nostro sito Sembra che tu stia utilizzando un blocco degli annunci. Ci basiamo sulla pubblicità per finanziare il nostro sito.