Sky – Napoli forte su Ibrahimovic. Milan defilato. Ecco le ultime

Il Napoli su Ibrahimovic
Ultimo aggiornamento:

Il Napoli su Ibrahimovic è passato in vantaggio rispetto al Milan. L’arrivo di Ibra in azzurro potrebbe avere un effetto dirompente su spogliatoio

NAPOLI SU IBRAHIMOVIC

Secondo sky sport 24, il Napoli è passato in pole su IbrahimovicDe Laurentiis si sarebbe inserito in maniera decisa nella corsa a Zlatan Ibrahimovic: lo svedese avrebbe frenato nella trattativa con il Milan di Boban.

La distanza fra l’attaccante svedese ed i rossoneri è legata all’ingaggio e al rinnovo per il secondo anno: il Milan, infatti, avrebbe offerto ad Ibrahimovic 3 milioni per sei mesi e altri 6 milioni per il secondo anno. Il rinnovo, però, sarebbe legato alla qualificazione dei rossoneri alla prossima Champions League, mentre lo svedese vorrebbe avere la certezza per il secondo anno. Massara ai microfoni di ‘Sky’ conferma la distanza fra le parti:

Momento di riflessione per Ibrahimovic, noi siamo in attesa. Non c’è una vera trattativa in corso”.

Il Bologna resta sullo sfondo. I felsinei hanno avuto dei contatti con lo svedese tramite l’amicizia che lo lega a Sinisa Mihajlovic, come confermato a ‘Sky’ dal direttore sportivo degli emiliani Riccardo Bigon.

“Suggestione che abbiamo già spiegato e l’ha spiegata anche Sinisa. Hanno un contatto diretto e Ibra era d’accordo che avrebbe preso una decisione a dicembre. Aspettiamo la sua decisione e siamo in attesa”.

De Laurentiis si sta tenendo in contatto con Raiola, l’ipotesi Milan non decolla, i problemi fisici di Milik e i mal di pancia di Insigne e Mertens, stanno facendo seriamente riflettere il presidente azzurro.

L’arrivo di Ibrahimovic a Napoli potrebbe avere un effetto dirompente su spogliatoio e tifosi, solo uno come lo svedese potrebbe tirare gli azzurri fuori da questa situazione.

Il calciatore ha un ottimo rapporto con Ancelotti. Non sono escluse sorprese, De Laurentiis potrebbe offrirgli un ingaggio di un anno e mezzo da circa 7 milioni totali.

Raiola, oggi, si è però tenuto molto cauto: “Come andrà a finire? Non mi sbilancio, vedremo quello che accadrà. Di certo, se tornasse, la Serie A aumenterebbe l’appeal, sia a livello tecnico che televisivo. Quanti Paesi accenderebbero la tv ogni week-end…”.