ULTIME NOTIZIE SULL'EMERGENZA CORONAVIRUS

Schwoch: “A Verona non mi possono vedere. Per me il Napoli era il Real”

Per Schwoch il Napoli era come giocare nel Real o Barcellona. A Verona non lo possono vedere per i suoi trascorsi partenopei.

[better-ads type=”banner” banner=”81855″ campaign=”none” count=”2″ columns=”1″ orderby=”rand” order=”ASC” align=”left” show-caption=”1″][/better-ads]


Stefan Schwoch
ha parlato ai microfoni di radio Marte della sua esperienza a Napoli. Il bolzanino di padre polacco arrivò  nel gennaio del 1999 al Napoli, in Serie B. Alla fine dell’annata saranno 6 i suoi gol in 22 incontri. Nella stagione 1999-2000, sempre sotto al Vesuvio, Schwoch, che ritrova ancora Walter Novellino, contribuisce alla promozione degli azzurri in Serie A: 22 sono i suoi gol in 35 partite, record assoluto nella storia del Napoli insieme ad Antonio Vojak, primato poi battuto nella stagione 2012-2013 da Edinson Cavani (che segnerà 29 gol con la maglia azzurra), il record sarà ribattuto da Gonzalo Higuaín con 36 reti nella stagione 20152016.

Napoli per me rappresenta la parte più bella ed importante della mia carriera, giocare nel Napoli per me è stato giocare come nel Real Madrid o Barcellona. Dopo la promozione abbiamo festeggiato per un mese, fu tutto stupendo. Ogni giocatore deve capire che giocare nel Napoli è un grande onore, bisogna avere spalle larghe e rispetto per i tifosi che ti amano”.

A Verona non mi possono vedere perchè ho giocato e vinto con Napoli e Vicenza, due rivali storiche della squadra gialloblu”.

[better-ads type=”banner” banner=”81855″ campaign=”none” count=”2″ columns=”1″ orderby=”rand” order=”ASC” align=”center” show-caption=”1″][/better-ads]

Archivi