napolipiu.com
Calcio Napoli e cultura Napoletana: Ecco il sito che parla la tua lingua

Benitez: “Parlo sempre di Napoli. Ancelotti può vincere ma in Italia c’è la Juventus che…”

Rafa Benitez non dimentica Napoli. L’allenatore spagnolo ha parlato della città con i suoi monumenti, di Carlo Ancelotti e della vittoria della supercoppa contro la Juventus.


Rafa Benitez
ha sempre Napoli nel cuore. L’allenatore spagnolo ha parlato a radio Kiss Kiss Napoli. Benitez è da sempre innamorato della cultura Napoletana e dei monumenti di Napoli: “parlo sempre del Cristo velato“. Rafa  si è complimentato con Ancelotti e ha ricordato la vittoria della supercoppa contro la Juventus a Doha.

BENITEZ A KISS KISS NAPOLI

Carlo Ancelotti sa gestire molto bene la rosa, sta facendo cose egregie. Ho un grande rapporto con lui, sono molto contento. Ma in Italia c’è la Juventus, è difficile per tutti. Anche lo scorso anno con Sarri hanno disputato un’ottima annata, ma coi bianconeri è difficile”.

Champions? Noi abbiamo fatto dodici punti e non siamo passati, il Napoli a sei è primo nel girone. L’impresa è possibile eccome”.

Koulibaly? E’ cresciuto tantissimo con Albiol e gli altri, è sicuramente tra i migliori al mondo. Insigne? Parliamo spesso dei movimenti suoi e quelli di Callejon, può fare tante cose, può giocare in tutti e tre ruoli d’attacco. Champions persa da Ancelotti? Ma due anni dopo l’ho persa io…”.

De Laurentiis mi ha chiesto di venire da dirigente? No, sono ancora giovane (ride, ndr). Parlo sempre del Cristo Velato, di Napoli Sotterranea, della Reggia di Caserta, del Palazzo Reale, perché la gente non conosce la bellezza di Napoli. E’ una città bellissima. Ne parlo spesso in Inghilterra per farla conoscere“.

Mertens? Qui guardiamo le partite del Napoli e siamo molto contenti dei giocatori che abbiamo portato in azzurro, Dries è molto intelligente. E’ sempre vicino alla porta. Anima di Benitez? Mazzarri aveva già fatto un buon lavoro, noi abbiamo internazionalizzato il Napoli, poi Sarri ha proseguito il suo gran lavoro, così come Ancelotti. A Nyon abbiamo parlato con Allegri e Carlo, se giochi bene hai più possibilità di vincere“.

Sarri può ripetere quanto fatto in Italia? Sta lavorando molto bene, il problema della Premier è che le prime tre non hanno perso ancora. La differenza con le altre è troppo grande. Difficile dirlo adesso, per me il City è la più forte, ma ci sono anche Liverpool e Chelsea che hanno grandi giocatori e allenatori, possono farcela. CR7? Inizialmente ha avuto difficoltà, poi lui lavora molto ed ha ripreso a segnare tanti gol“.

Vittoria Supercoppa? E’ stata una notte speciale in quel di Doha, vincere a Napoli non è come altrove, è una piazza speciale, che vive il calcio in modo unico“.

Benitez: "Parlo sempre di Napoli. Ancelotti può vincere ma in Italia c'è la Juventus che..."

RAFA BENITEZ

Il 27 maggio 2013 Rafa Benitez viene ingaggiato come allenatore del Napoli, firmando un contratto biennale (con opzione per il terzo anno) a 3,5 milioni di euro a stagione. Viene coadiuvato da uno staff tecnico composto da Fabio Pecchia in qualità di allenatore in seconda, Javier Vicente Valero come preparatore dei portieri, Francisco de Miguel Moreno e Corrado Saccone. il Napoli subisce una profonda metamorfosi nella sua struttura base, passando dal 3-5-2 al più offensivo 4-2-3-1.Difficile è l’utilizzo dello slovacco Marek Hamšík, impiegato da Benítez come trequartista centrale e non sempre con grandi risultati.

Debutta sulla panchina azzurra il 25 agosto 2013, alla prima di campionato, con una vittoria (3-0) sul Bologna.Il 3 maggio 2014 vince il primo trofeo con il Napoli, conquistando la Coppa Italia con un 3 a 1 ai danni della Fiorentina nella finale allo Stadio Olimpico di Roma, confermandosi vincente nella stagione d’esordio come già accaduto alla guida di Valencia, Liverpool, Inter e Chelsea. Conclude la sua prima stagione con la società partenopea portando la squadra a un 3º posto finale in campionato stabilendo il proprio primato assoluto di gol segnati e di vittorie ottenute in trasferta. Nel settembre 2014 partecipa al Forum UEFA Allenatori Club d’Èlite, dove riceve una targhetta commemorativa per le 100 partite disputate in Champions League.

Dopo un calciomercato sotto le aspettative e con vari giocatori in partenza, la squadra non riesce a ripetere un buon inizio di stagione ed esce nei preliminari di UEFA Champions League contro l’Athletic Bilbao (1-1), accedendo così in Europa League. Il 22 dicembre vince la Supercoppa italiana contro la Juventus, secondo successo personale in questa competizione e decimo trofeo complessivo in carriera, a parte i titoli nazionali. Questo trofeo sarà l’unica consolazione stagionale, poiché la squadra partenopea conclude l’annata al quinto posto in campionato a causa della sconfitta interna contro la Lazio per 2-4 ed esce in semifinale sia in Coppa Italia che in Europa League.[58]

Con il contratto in scadenza a giugno, il 28 maggio, in una conferenza stampa congiunta con il presidente del Napoli Aurelio de Laurentiis, Benítez annuncia la scelta di abbandonare la guida tecnica del Napoli dopo due anni. Il 1º giugno lascia definitivamente i partenopei.

CONSIGLIATI PER TE

Napolipiu.com rispetta la tua privacy. Noi e i nostri partner utilizziamo, sul nostro sito, tecnologie come i cookie per personalizzare contenuti e annunci, fornire funzionalità per social media e analizzare il nostro traffico. Facendo clic di seguito si acconsente all'utilizzo di questa tecnologia. Puoi cambiare idea e modificare le tue scelte sul consenso in qualsiasi momento ritornando su questo sito. AccettoLeggi di più