napolipiu.com
Calcio Napoli e cultura Napoletana: Ecco il sito che parla la tua lingua

Perché la Juventus negli ultimi anni ha distrutto il calcio italiano

La Juventus negli ultimi anni ha distrutto il calcio italiano. La frase “La Serie A non è allenante” è tanto vera quanto ovvia e perfino banale.

Perché la Juventus negli ultimi anni ha distrutto il calcio italiano? cosa è successo dopo calciopoli?  Le finali perse sono il limite invalicabile, di una squadra odiosa e arrogante, per la quale conta solo vincere.

CALCIOPOLI

Dopo calciopoli, scrive il  giornalista Paolo Trapani, i bianconeri sono voluti tornare più potenti e arroganti di prima, hanno lasciato solo macerie nel calcio italiano: controprova di tutto questo sono i tre ultimi campionati mondiali consecutivi (2010, 2014 e 2018) dove la Nazionale è uscita nella fase a gironi e addirittura non si è qualificata alla fase finale.

LA JUVE IN POSIZIONE DOMINANTE

La Juventus da anni esprime una posizione dominante in Italia: controlla almeno 50 giocatori, decide chi compra , chi vende, a quale prezzo, e chi deve fare un buon colpo o chi prendersi un brocco sul groppone della propria rosa e del bilancio. Le plusvalenze dei giorni scorsi (i vari Sturaro, Audeto, Mandragora, Favilli & Co.) sono l’ultima pistola fumante di questo delitto sportivo-finanziario.

La dicotomia di questi anni (vincere tutto in Italia, non vincere nulla in Europa – 2 finali di Champions perse, ma anche una semifinale di Europa League con cocente eliminazione) è il paradigma di questo farsesco disastro.

VINCERE  È L’UNICA COSA CHE CONTA

La Juventus, da sempre e soprattutto nell’ultimo decennio, ha trasformato la vittoria da fine a mezzo. Non più traguardo da raggiungere, ma strumento per affermare la propria identità sportiva. La Juve è l’unica squadra al mondo a non avere un legame ferreo con una città o un territorio: appena il 13% dei suoi tifosi sono del Piemonte, il 40% del Sud e delle isole.

Tutto è capovolgibile nel calcio, i non colorati sono anche capaci di grandi rimonte e imprese, il ritorno a Torino è tutto da giocare. Ma il dato di fatto, incontrovertibile, da 8 anni a questa parte, è che le magre, pessime figure in Europa, in tutti i campi e con le squadre che contano, non sono un caso ma la dimostrazione del limite, invalicabile, di una squadra odiosa e arrogante, per la quale conta solo vincere e che è come il figlio del Preside: TUTTI LO TEMONO A SCUOLA, magari fingendo di rispettarlo, TUTTI LO PICCHIANO e magari lo “bullizzano” (agonisticamente) fuori dall’istituto (vedi Cholo Simeone ieri sera o Mourinho qualche mese fa allo stadium).

CONSIGLIATI PER TE

Napolipiu.com rispetta la tua privacy. Noi e i nostri partner utilizziamo, sul nostro sito, tecnologie come i cookie per personalizzare contenuti e annunci, fornire funzionalità per social media e analizzare il nostro traffico. Facendo clic di seguito si acconsente all'utilizzo di questa tecnologia. Puoi cambiare idea e modificare le tue scelte sul consenso in qualsiasi momento ritornando su questo sito. Accetto Leggi di più