TUTTE LE NOTIZIE SUL CALCIO NAPOLI

Pavarese: “Milan-Napoli, ecco come finirà. Vi racconto del rigore di Maradona e la vendetta di Sacchi”

Gigi Pavarese, parla di Napoli-Milan. L’ex dirigente racconta alcuni aneddoti legati al Maradona e Arrigo Sacchi.

Napoli-Milan vale il primato della serie A, ma la gara del San Paolo rievoca anche tanti ricordi, quando sull’erba di Fuorigrotta si affrontavano il Napoli di Maradona e il Milan di Arrigo Sacchi. Gigi Pavarese, ex DS del Napoli, ai microfoni di Radio Marte ha parlato della sfida contro il Milan e ha raccontato qualche aneddoto legato alla sfida. Ecco le parole di Pavarese su Napoli-Milan:

“Napoli-Milan? Due delle squadre che hanno fatto più punti dopo il lockdown e che hanno espresso un grande gioco. Al Milan c’è un totem come Ibrahimovic, importante in campo e nella crescita dei giovani. Il Napoli è crescito in maniera esponenziale con Gattuso e gli investimenti fatti con Osimhen e Bakayoko. Possono lottare per lo Scudetto? Ho sempre sostenuto che sono 4 le pretendenti, cioè Napoli, Juventus, Inter e Atalanta. L’outsider è il Milan, più della Roma. Almeno 3 delle 4 squadre che ho indicato faranno qualche passo in più e staccheranno gli avversari. Non vedo il Milan lottare per lo Scudetto.

Il Napoli è lanciatissimo, sia a livello europeo che a livello nazionale. Pure a livello societario ha raggiunto una consapevolezza, con De Laurentiis che ha fatto sì che Giuntoli potesse dare a Gattuso un organico completo. Ci sono giocatori importanti, pronti a far valere la propria determinazione. Soprattutto è un Napoli camaleontico, che durante la partita può cambiare perché ha gli uomini che lo consentono. Insigne? Per me è, dopo Totti e Del Piero, il giocatore più forte degli ultimi 20 anni. Anche lui ha capito che è un grandissimo calciatore”.

Pavarese ha poi aggiunto: ” Il Milan non perde da 19 partite? Credo alla legge dei grandi numeri, a Napoli sono stati cancellati. Ricordo che nel 1985/1986 la Juventus arrivava qui da 8 vittorie di fila e poi Diego ci fece godere con quella perla su punizione. Nel 1990/1991 incontriamo il Milan al San Paolo, partita tirata, andiamo in vantaggio con un gol di Maradona su rigore. Credevamo di averla vinta, qualche minuto più tardi Sacchi si arrabbia con l’arbitro per un mancato rigore su Gullit. Vuole andare via, Bigon e io lo blocchiamo e lui ritorna in panchina. Il Milan pareggia su un’invenzione di Van Basten e Gullit, finirà così. Io sedevo in panchina accanto a Bigon. Ferlaino la sera ricordo che convocò Moggi e gli disse di non volermi più in panchina perché avevo bloccato io Sacchi e loro avevano pareggiato. Il Milan aveva Van Basten e gli altri olandesi ma il Napoli aveva Maradona, Renica, Giordano, Alemao. Questo Napoli può raggiungere quei livelli, la società è convinta di poter lottare”.

Archivi

Bernvenuto su napolipiu.com

Consenti gli annunci sul nostro sito Sembra che tu stia utilizzando un blocco degli annunci. Ci basiamo sulla pubblicità per finanziare il nostro sito.