Calcio NapoliLe Interviste

Osimhen, il neurochirurgo: “Il ragazzo sta bene. Nella sfortuna è stato fortunato. Ecco quando potrà rientrare”

Il neurochirurgo di Osimhen, Alfredo Bucciero, parla dello stato di salute dell'attaccante del Napoli dopo l'infortunio contro l'Atalanta

Osimhen, il neurochirurgo riporta le ultime sulle condizioni dell’attaccante del Napoli.

 

Il Dottor Alfredo Bucciero, responsabile del reparto di neurologia dell’Ospedale Pineta Grande, è intervenuto ai microfoni di Radio Marte nel corso della trasmissione “Si gonfia la rete” di Raffaele Auriemma.

Osimhen? L’ho trovato benissimo, sia da un punto di vista clinico generale che neurologico. Peraltro ha fatto la risonanza magnetica ed è buona, non c’è niente di neurochirurgico in atto.

Ha fatto sia la risonanza cervicale che del cranio, aspettiamo solo i risultati dell’elettroencefalogramma nel pomeriggio. Ma non mi aspetto niente di particolare.

Ha smania di tornare in campo ma deve essere gestito per tornare in campo, ci sono dei protocolli che conosce bene il Dottor Canonico, va gestito sotto questo punto di vista. Ora è solo un problema di aspettare i tempi giusti per poterlo reinserire“.

 

Il Neurochirurgo di Osimhen parla del possibile ritorno in campo del nigeriano:

“Giovedì sera giocherà? Non credo proprio. Io credo che possa (ma questo lo gestisce il Dottor Canonico) riprendere l’attività di allenamento a fine settimana. C’è stato comunque un trauma con perdita di conoscenza e non è una sciocchezza, ripeto. Però può tornare alla vita normale già da adesso, come già ha fatto. Ma i calciatori di Serie A sono come macchine di Formula 1, bisogna gestirli bene.

Domenica contro il Benevento? Io faccio il neurochirurgo ma devo anche rispettare il lavoro del Dottor Canonico. Da un punto di vista neurochirurgico io posso dirle che non c’è niente che debba preoccupare. Ora è il dottore che lo deve gestire secondo i regolamenti UEFA. Il ragazzo è smanioso e vuole rientrare già da adesso ma bisogna gestirlo.

Il Dottor Alfredo Bucciero avvisa sui rischi di un recupero forzato:

“Se Osimhen prendesse un colpo, un’altra caduta, uno scontro con un collega o una pallonata in faccia a breve distanza sarebbe pericoloso. Bisogna essere cauti.

Gli ho detto che ha 21-22 anni, è giovane e che ha tutta la vita davanti a sé, non succede niente a saltare altre 2 partite. Giovedì e domenica meglio evitare? Questo deve dirlo il dottore, io posso dire che il ragazzo sta bene. Clinicamente sta bene, per i traumi cranici come questo a volte si parla addirittura di settimane di riposo ma non è il suo caso. Lui nella sfortuna è stato fortunato perché non ha avuto grandi problemi. Ma adesso diamogli la possibilità di riprendersi.

Quando ho avuto in cura anche Ospina si è ripreso brillantemente ma qualche giorno dopo, durante gli atti atletici da portiere, aveva giramenti di testa. Una cosa è che prendo io il colpo e poi vado a farmi la passeggiata ma questi sono atleti. Quindi vanno trattati come esseri umani e bisogna tenere conto del protocollo”.

Back to top button

Benvenuto su napolipiu.com

Consenti gli annunci sul nostro sito Sembra che tu stia utilizzando un blocco degli annunci. Ci basiamo sulla pubblicità per finanziare il nostro sito.