Calcio NapoliTutto Napoli

CdM: Napoli senza «difesa» Anche sul web.

Napoli senza difesa anche sul web. I siti sono l’anima del racconto calcistico ma quante offese. Bisogna tenere alto il profilo con l’ironia non provocando.

di Marco Marsullo CdM

Napoli senza difesa

NAPOLI-Usare l’ironia è l’arma nucleare napoletana per eccellenza. C’è chi minaccia Trump con le atomiche. Noi difendiamo i nostri confini prendendo, e prendendoci, allegramente in giro. Vivaddio. E lo dico da napoletano, e in questo caso pure da sportivo, innamorato cronico di questo gioco, il calcio, che è la cosa più bella che il Padreterno ci ha donato. Però, come ogni regalo, necessita di cura.

Noi abbiamo delle responsabilità, verso questo gioco. In particolare, chi questo gioco lo racconta, e lo filtra attraverso siti e social, ha il dovere morale di tenere il suo racconto su di un alto profilo. A Napoli soprattutto, ma anche a Roma, intendiamoci, ci sono siti, radio, portali, pagine facebook, che parlano del Napoli Calcio acca ventiquattro. E vivaddio, di nuovo, perché i tifosi, che sono i devoti a questa religione folle e passionale che è il pallone, hanno bisogno di leggere notizie a tutte le ore del giorno e della notte. Altrimenti: come si tengono vivi tra una partita e l’altra?

E ben vengano i soliti siti. Fanno un ottimo lavoro e sono l’anima del racconto calcistico della nostra epoca. Però, a volte, e lo dico con rammarico, questi portali diventano un’eco per avvenimenti che notizie proprio non sono; anzi, sarebbero notizie se venissero condannate, usate come elementi da cui dissociarsi come tifosi, in primis, e poi come raccontatori di questo sport.

Senza difesa anche sul web

Perché la notizia, per dire: «Guardate come hanno accolto Higuain all’hotel di Barcellona» e, sotto, il video di due, tre napoletani che urlano: «grandaaa loooota», non è né una news, né qualcosa di cui vantarsi. Anzi. È un simbolo di grande inciviltà di una parte di una tifoseria. Perché ci sta, sacrosanto, criticare la scelta estiva del Pipita di passare ai rivali di sempre. Ci stanno pure i fischi clamorosi del San Paolo, ci mancherebbe.

Ma un sito internet, una testata registrata, che annovera tra le sue fila bravi giornalisti e giovani che vivono per diventare veri cronisti sportivi, ha il dovere di spegnere questi fuochi (fatui) d’odio e volgarità.

La comunicazione napoletana non può, nel modo più netto, prendersi queste libertà mediatiche. Perché se usiamo l’ironia siamo tutti felici. Il Napoli gioca un calcio, a tratti, incantevole, ed è una delle realtà (se non LA realtà) più bella dell’Italia pallonara.

Che i siti che parlano del Napoli, e i propri tifosi, non se la prendano con Higuain insultandolo per strada e non accusino Cannavaro di non aver bluffato per aiutare il Napoli. Analizzino, se mai, i limiti tecnici e caratteriali della squadra.

Quel modo di fare è, a tratti, antisportivo e, soprattutto, incivile. Perché non c’è divertimento in tutto questo e, secondo me, non c’è neanche informazione. Che usino i loro spazi, per appassionare e arricchire i tifosi.

Lo sanno fare, è il loro lavoro. E un lavoro così importante ha delle grandi responsabilità. Non scherziamo, l’Italia è una Repubblica fondata sul lavoro. O questo articolo con cui si apre la nostra Costituzione ci serve solo come slogan da facebook quando si parla dei problemi del nostro Paese? Siamo seri: siamo napoletani, l’ironia usiamola in modo caustico, non provocatorio. E, per finire, un abbraccio a Paolo Cannavaro: professionista impareggiabile e cuore grato, gratissimo. Cuore napoletano.

Back to top button

Benvenuto su napolipiu.com

Consenti gli annunci sul nostro sito Sembra che tu stia utilizzando un blocco degli annunci. Ci basiamo sulla pubblicità per finanziare il nostro sito.